Come emettere fattura in Forfettario

Iscriviti gratis e ricevi subito assistenza fiscale gratuita

All’interno della piattaforma FlexSuite puoi anche simulare le tasse da pagare, scaricare guide fiscali, utilizzare il gestionale di fatturazione e molto altro.

Come emettere fattura in Forfettario

Regime Forfettario: come si emette la fattura

Se hai deciso di applicare il Regime Forfettario per la tua Partita Iva, dovrai adottare un comportamento concludente, ovvero dovrai emettere le fatture secondo le regole previste dal Forfettario.

Quali sono queste regole e pertanto, come emettere fattura in Forfettario?

Devi sapere per prima cosa che nelle fatture che emetterai non dovrai applicare né l’Iva né la ritenuta d’acconto, ma dovrai assolvere l’imposta di bollo: per tutte le fatture che emetterai che avranno un importo superiore ai 77,47 euro, dovrai applicare la marca da bollo di 2 euro.

Ti ricordiamo che dal 1° gennaio 2024, tutti i contribuenti (salvo alcune eccezioni nel comparto medico) hanno l’obbligo di emettere le fatture in formato elettronico, compresi quei forfettari che fino al 31 dicembre 2023 ne sono stati esonerati.

Emettendo fatture elettroniche dovrai anche assolvere l’imposta di bollo in formato elettronico: sarà direttamente l’Agenzia delle Entrate che ti fornirà gli F24 da versare, alle scadenze dell’imposta di bollo virtuale stabilite.

Nelle fatture che emetterai dovrai inoltre indicare le seguenti diciture obbligatorie:

  • Operazione effettuata ai sensi dell’articolo 1, commi da 54 a 89, della Legge n. 190/2014 e successive modificazioni;
  • Si richiede la non applicazione della ritenuta alla fonte a titolo d’acconto ai sensi dell’articolo 1 comma 67 della Legge numero 190/2014 e successive modificazioni (da aggiungere in fattura se sei un Professionista);
  • Iscriviti alla piattaforma FlexTax e ricevi gratis il libro
    Scarica gratis ora

  • Imposta di bollo da 2 euro assolta sull’originale per importi maggiori di 77,47 euro.

Infine, se sei un Professionista iscritto alla Gestione Separata Inps, potrai scegliere se applicare in fattura la rivalsa Inps del 4%.

L’applicazione della rivalsa del 4% è una scelta volontaria e non obbligatoria, e nel caso in cui la inserissi in fattura, dovrai considerare che:

  • Sull’importo della rivalsa verserai pertanto imposta e contributi;
  • Il tuo cliente dovrà corrisponderti il 4% di imponibile in più.

Nei paragrafi successivi procediamo a farti un esempio di come dovrai emettere fattura, sia come Professionista che come Artigiano/Commerciante iscritto in Camera di Commercio.

Esempio fattura per Professionista

Ti riportiamo qui di seguito un esempio di fattura per Professionista iscritto in Gestione Separata Inps che adotta il Forfettario.

 

Fattura Professionista Gestione Separata

Esempio fattura per Artigiani/Commercianti 

Ti riportiamo qui di seguito un esempio di fattura per Artigiani e Commercianti iscritti in Camera di Commercio che adottano il Forfettario.

 

Fattura Artigiani e Commercianti

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

ARTICOLI SIMILI