Regime forfettario calcolo limite 65.000 euro di ricavi

Regime forfettario 2019 calcolo limite 65.000 euro di ricavi

Una delle domande che molti di voi ci stanno facendo è la seguente:

“Quale reddito devo prendere in considerazione per verificare se rispetto o meno il vincolo dei 65.000 euro dei ricavi?”

Abbiamo deciso di scrivere un articolo sull’argomento in quanto capire se si rientra o meno nel limite in questione è fondamentale per poter valutare la possibilità di accedere al Regime forfettario.

I ricavi che devi prendere in considerazione sono i tuoi ricavi di impresa, ovvero quelli conseguiti con la tua Partita Iva individuale, non concorrono alla formazione del limite dei 65.000 euro i redditi provenienti da lavoro dipendente, da pensioni, ecc.

Se non hai ancora Partita Iva ma vuoi aprirla e aderire al Regime forfettario, dato che non hai ricavi d’impresa che pertanto risulteranno nulli, rientri tranquillamente nel limite dei 65.000 euro.

Scopri qui gli altri limiti del Regime forfettario: Limiti Regime forfettario 2019


Regime forfettario calcolo limite 65.000 euro: regime utilizzato

Ora che hai chiaro che devi tenere conto unicamente dei ricavi di impresa per verificare se rispetti il limite di 65.000 euro, analizziamo quali importi devono essere sommati per la formazione dei tuoi ricavi.

Ipotizzando che si stia verificando il rispetto del limite di 65.000 euro di ricavi per accedere al Regime forfettario nel 2020, gli importi che dovrai sommare dipendono dalla tipologia di Regime fiscale che hai utilizzato nel 2019, infatti distinguiamo diverse situazioni :

  • Nel 2019 hai applicato il Regime semplificato (o ordinario) e nel 2020 vuoi passare al forfettario;
  • Nel 2019 hai applicato il Regime forfettario e nel 2020 vuoi continuare ad applicare tale Regime.

Nei prossimi paragrafi analizzeremo le due differenti situazioni.

Regime forfettario, quando conviene?

Regime forfettario calcolo limite 65.000: regime semplificato

Se ti trovi in Regime semplificato (o ordinario) e vuoi verificare la tua possibilità di passaggio al Regime forfettario nel 2020, il limite di 65.000 euro di ricavi deve essere verificato a seconda del Regime che hai adottato (cassa o competenza), quindi se hai agito in Regime semplificato per cassa dovrai considerare solo gli incassi mentre se hai agito in Regime di competenza dovrai prendere in considerazione tutte le fatture emesse.

Per calcolare i tuoi ricavi dovrai sommare gli importi delle fatture (incassate o emesse in base al tipo di regime che hai adottato) al netto dell’Iva.

Rivalsa

Se eserciti la rivalsa contributiva per specifiche Casse Previdenziali, dall’imponibile Iva dovrai scorporare detti importi, in quanto gli stessi non concorrono alla formazione del proprio ricavo.

Se invece eserciti la rivalsa del 4% Gestione Separata Inps, dovrai considerare anche gli importi percepiti a titolo di rivalsa nei tuoi ricavi.

Spese conto clienti

Le spese che vengono sostenute per conto del cliente, tutte documentate e riconducibili al cliente stesso, non fanno parte dei ricavi perché costituiscono solo un’anticipazione e non un compenso.

Le spese che addebiti forfettariamente al cliente sono invece da considerare ricavo.

Passare al Regime forfettario dal Regime semplificato

Regime forfettario calcolo limite 65.000 se si è già forfettari

Dal momento in cui si è soggetti al Regime forfettario, per calcolare il rispetto del vincolo dei 65.000 euro di ricavi si dovranno sommare solo gli importi delle fatture incassate nell’anno preso in considerazione e non tutte quelle emesse, in quanto nel Regime forfettario vige il principio di cassa.

Regime forfettario fatture non incassate

Regime forfettario calcolo limite 65.000, il servizio Flex tax

Il nostro servizio Flex Tax ha l’obiettivo di offrire la contabilità online ai contribuenti che si avvalgono del Regime forfettario in modo semplice, sicuro ed efficiente.

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (2 votes, average: 3,00 out of 5)
Loading...
Anna di FlexTax

Anna di FlexTax

Ti è stato utile questo articolo? Condividilo!

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram

Articoli suggeriti

Questo articolo ha 0 commenti.

Lascia un commento

Ti aiutiamo a gestire la tua Partita Iva