Domande e Risposte

Regime forfettario per educatore professionale

il regime forfettario va bene per un educatore professionale?

Le confermiamo che il Regime forfettario può essere un’ottima scelta per lavorare come educatore professionale, infatti questo regime prevede molti vantaggi, sia a livello fiscale che contabile.

Vantaggi Regime forfettario

 

Per adottare il Regime forfettario dovrà verificare di essere in possesso di tutti i requisiti richiesti: Limiti forfettario.

Per l’attività di educatore, potrà utilizzare il seguente codice Ateco:

  • 96.09.09 – Altre attività di servizi per la persona nca

che include:

  • attività di astrologi e spiritisti;
  • Iscriviti alla piattaforma FlexTax e ricevi gratis il libro
    Scarica gratis ora

  • servizi di ricerca genealogica;
  • servizi di lustrascarpe, addetti al parcheggio di automobili eccetera;
  • gestione di macchine a moneta per servizi alla persona (cabine per fototessera, bilance pesapersone, macchine per misurare la pressione del sangue, armadietti a chiave funzionanti a moneta);
  • assistenza bagnanti (bagnini);
  • servizi domestici svolti da lavoratori autonomi.

Se potrà adottare il regime Forfettario, il reddito imponibile si calcolerà applicando ai ricavi dell’anno (intesi come fatture incassate) il coefficiente di redditività: percentuale associata ad ogni codice Ateco.

Il coefficiente di redditività per il codice ateco 96.09.09 è del 67%. Ciò significa che il 67% dei suoi ricavi saranno soggetti ad imposta e contributi, il restante 33% le verrà riconosciuto come “spesa forfettaria”.

Potrà inquadrarsi come libero Professionista e versare i contributi alla Gestione Separata Inps in percentuale nella misura del 26,07% sul suo reddito.

Se adotterà il forfettario, oltre ai contributi, verserà anche l’imposta sostitutiva al 15% o al 5% per i primi 5 anni di attività: Imposta sostitutiva al 5%.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *