Regime forfettario cos’è il coefficiente di redditività?

Se hai intenzione di aprire una nuova Partita Iva e aderire al Regime forfettario 2019, questo articolo cercherà di chiarirti le idee sul coefficiente di redditività.

Partendo dal principio, quando si vuole iniziare un’attività autonoma con Partita Iva, si deve procedere con la sua apertura.

Per aprire la Partita Iva devi rivolgerti ad un professionista, oppure al nostro servizio di commercialista online per il Regime forfettario.

Oltre ai dati personali, nel momento in cui compili (o il tuo commercialista compila per te) il modulo di richiesta di apertura di una Partita Iva, dovrai inserire il Codice ATECO.

Ultime novità: Regime forfettario 2020 non cambia

Regime forfettario coefficiente di redditività: il Codice ATECO

Cos’è il Codice ATECO?

Il Codice ATECO non è altro che un semplice numero che classifica la tua attività, quindi dovrai sceglierlo con estrema attenzione.

L’importanza del Codice ATECO deriva principalmente dal fatto che tale codice sarà la base di partenza per il calcolo dell’imposta che dovrai versare allo Stato.

Spesso quando senti parlare di Regime forfettario senti nominare il coefficiente di redditività.

Cos’è il coefficiente di redditività?

Non è altro che una semplice percentuale, che dovrai applicare agli incassi conseguiti per ricavare il Reddito imponibile sul quale successivamente calcolare la tua imposta sostitutiva e i tuoi contributi.

Infatti, la principale caratteristica e novità del Regime forfettario è il modo con il quale si calcola il Reddito imponibile.

Generalmente per calcolare il Reddito imponibile, si sottraggono i costi derivanti dallo svolgimento dell’attività al fatturato da essa generato.

Nel Regime forfettario questo meccanismo è sostituito appunto dal coefficiente di redditività.

NB: Il coefficiente di redditività serve per ricavare dai tuoi incassi, il Reddito al netto delle spese che hai sostenuto durante l’esercizio della tua attività. Tali spese sono stimate in modo forfettario per ogni professione e la loro percentuale corrisponde al 100% – il coefficiente di redditività.

Il coefficiente di redditività non è uguale per tutte le tipologie di attività, ma esso cambia in base al tuo Codice ATECO.

Commercialista online

Tabella coefficienti di redditività del Regime forfettari

Di seguito riportiamo una tabella che ti illustra sinteticamente i possibili Codici ATECO tra cui potrai scegliere, a seconda della natura della tua attività e i corrispondenti coefficienti di redditività:

Tipologia di attivitàCodici ATECO relativiCoefficiente di redditività
Industrie alimentari e delle bevande(10-11)40%
Commercio all’ingrosso e al dettaglio45- (da 46.2 a 46.9) – (da 47.1 a 47.7) – 47.940%
Commercio ambulante di prodotti alimentari e bevande47.8140%
Commercio ambulante di altri prodotti47.82-47.8954%
Costruzioni e attività immobiliari(41-42-43) – (68)86%
Intermediari del commercio46.162%
Attività dei servizi di alloggio e di ristorazione(55-56)40%
Attività professionali, scientifiche, tecniche, sanitarie, di istruzione, servizi finanziari ed assicurativi(64-65-66) – (69-70-71-72-73-74-75) – (85) – (86-87-88)78%
Altre attività economiche(01-02-03) – (05-06-07-08-09) – (12-13-14-15-16-17-18-19-20-22-22-23-24-25-26-27-28-29-30-31-32-33) – (35) – (36-37-38-39) – (58-59-60-61-62-63) – (77-78-79-80-81-82) – (84) – (90-91-92-93) (94-95-96) – (97-98) – (99)67%

Elencare in questo articolo tutti i Codici ATECO corrispondenti alle dettagliate attività, risulterebbe confusionario, quindi se vuoi farti un’idea più chiara ti rimandiamo direttamente al documento pubblicato dall’Agenzia delle Entrate che elenca dettagliatamente tutti i Codici ATECO ad oggi esistenti.

A questo punto hai aperto la tua Partita Iva, scegliendo il Codice ATECO pertinente alla tua attività.

Approfondisci qui:

Regime forfettario agente di commercio

Regime forfettario impresa familiare

Esempio:  in Regime Forfettario in base al mio coefficiente di redditività, quante imposte bisogna pagare?

Ma come si dovrà calcolare l’importo di imposta sostitutiva da dover pagare?

Esempio concreto

Sergio ha fatturato 20.000 euro e ha un coefficiente di redditività del 78%.

Per ottenere il Reddito imponibile Sergio non deve togliere ai 20.000 euro tutte le spese effettivamente sostenute per lo svolgimento della sua attività, ma deve semplicemente applicare il coefficiente di redditività.

Se Sergio ha il coefficiente di redditività del 78%, significa che il 22% del suo fatturato complessivo non verrà considerato ai fini del calcolo di imposta e contributi Inps.

Il 22% di 20.000, ovvero 4.400 euro, sono le spese forfettarie previste per la sua specifica professione.

Per avere informazioni sui servizi di Flex Tax, ti chiamiamo noi nelle fasce orarie indicate all’interno dell’apposito modulo.

Quanto è stato utile questo articolo? Vota. 

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle (8 voti, media: 4,63 su 5)
Loading...

Risposte alle più frequenti domande sul Regime forfettario:

Guida Regime forfettario 2019

Commercialista online

Limiti Regime forfettario 2019

Quando conviene il Regime forfettario?

Regime forfettario calcolo reddito imponibile