Libero professionista

Lavoratore che esercita la propria attività intellettuale in modo completamente autonomo, senza essere alle dipendenze di nessuno. Per poter esercitare la libera professione è indispensabile l’apertura della partita IVAI liberi professionisti a volte devono rispettare determinati requisiti stabiliti dalla legge prima di poter esercitare la loro libera professione abitualmente.

Alcune volte vi è la presenza di albi professionali, a cui devono obbligatoriamente iscriversi particolari categorie di liberi professionisti per poter svolgere regolarmente la propria attività. In Italia non è assimilabile alle altre figure di operatori economici, quindi per tale motivo non è assoggettabile alla disciplina del fallimento.

Un libero professionista quando eroga un determinato servizio ai propri clienti emette la fattura, che viene denominata “parcella”, la quale rappresenta la remunerazione della prestazione fornita. La remunerazione dei liberi professionisti viene denominata “onorario”.

La fattura emessa dai liberi professionisti, contengono al loro interno una ritenuta d’acconto, che successivamente dovrà essere versata al fisco da parte del contribuente. Quindi il professionista dovrà emettere la fattura indicando il totale della prestazione, sottraendo da questo totale l’importo della ritenuta che sarà versato direttamente allo Stato da parte del singolo contribuente.

Ad eccezione di alcune fattispecie stabilite dalla legge, anche chi sia lavoratore dipendente può comunque essere libero professionista, vi sono situazioni in cui un singolo lavoratore può svolgere la propria professione sia come dipendente, che come libero professionista (medico che ha uno studio privato ma che lavora anche nelle strutture pubbliche).

 

Passa a Flex Tax, il commercialista online per il Regime forfettario.

Scopri tutto sul regime forfettario grazie alla nostra Guida al Regime forfettario.