Ultime sulla Flat Tax prima dell’estate

Ultime sulla Flat Tax prima delle vacanze

Ultime sulla Flat Tax: esito della riunione di inizio agosto.

Prima della pausa estiva, il Presidente del Consiglio Conte, i due vice Di Maio e Salvini, il ministro dell’economia Tria e gli altri ministri, si sono riuniti in un ultimo incontro per fare il punto sul contenuto che avrà la tanto attesa Legge di Bilancio, che dovrà essere presentata entro il prossimo autunno.

Al termine dell’incontro, sia Conte che Tria hanno usato parole positive e soddisfatte.

Il primo ha annunciato di aver preso decisioni importanti riguardo alla programmazione economico-finanziaria che verrà presentata a settembre, il secondo invece ha affermato di avere ancora una volta riesaminato positivamente la compatibilità tra gli obiettivi di bilancio e l’avvio delle riforme previste dal Governo, quali le più importanti la Flat Tax e il Reddito di cittadinanza.

Cos’è la Flat Tax?

Quindi, sia Lega che il Movimento 5 Stelle, hanno ulteriormente confermato l’intenzione di portare avanti le loro principali promesse della campagna elettorale, non nell’immediato ma non appena verranno ritrovate le coperture economiche necessarie.

Ricevi gratuitamente la tua prima chiamata di assistenza

Attiva ora il tuo account gratuito

Oltre al problema della ricerca delle coperture finanziarie per effettuare queste importanti manovre, un altro bel problema lo rappresenta l’Europa.

Infatti, la possibilità dell’attuazione delle riforme dipende in primis dall’esito della trattazione con Bruxelles che potrebbe stoppare in partenza tutte le idee del Governo.

Per esempio, nella Legge di Bilancio 2019, dovrebbe essere contenuto l’ampliamento del Regime forfettario fino a 100.000 euro, così da permettere a molti più titolari di Partita Iva di poter essere soggetti a una sorta di Flat Tax indiretta e iniziare progressivamente a coinvolgere più contribuenti in questo tipo di tassazione.

Cos’è il Regime forfettario?

Qui, il problema dell’Europa si pone sotto-forma di permessi: gli stati membri non possono predisporre Regimi agevolati che prevedono l’esonero del pagamento dell’Iva per redditi superiori di 65.000 euro.

Quindi anche nel caso si trovassero le coperture per attuare la riforma del forfettario a 100.000 euro, si dovrebbero ottenere anche i permessi dell’Europa.

In conclusione l’incontro di inizio agosto è servito a tranquillizzare gli elettori e confermare le intenzioni future del Governo, per quanto riguarda i dettagli tecnici si deve attendere settembre.

Hai domande sul regime forfettario? Scrivici e ti risponderemo nel più breve tempo possibile.

 

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...
Anna di FlexTax

Anna di FlexTax

Ti è stato utile questo articolo? Condividilo!

Facebook
Twitter
LinkedIn
WhatsApp
Telegram
Email

Articoli suggeriti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ricevi gratuitamente la tua prima chiamata di assistenza
Crea il tuo
Account Gratuito

Le recensioni dei nostri utenti

FlexTax Guide

Ti aiutiamo a gestire la tua Partita Iva

Carrello
Prodotto non più disponibile, il carrello è vuoto.
Continua a fare acquisti
0
Torna su

Parla gratis con un nostro esperto

Parla gratis con un nostro esperto

Iscriviti gratis

Inizia a usare FlexTax

Scopri i vantaggi dell'innovativa piattaforma per Partite Iva.

Accesso Freemium

Registrati e accedi gratuitamente a servizi e strumenti di FlexTax

Accesso Plus

Se decidi di affidare la tua contabilità ai consulenti di FlexTax

E-Service

L’ E-commerce di servizi e strumenti per la gestione contabile e l’amministrazione aziendale.

Chi siamo


Esperti contabili, consulenti del lavoro, avvocati e un’azienda di innovazione digitale uniti per aiutare le imprese nella gestione della Partita Iva.