Tasse e contributi per Agrotecnico

Iscriviti gratis e ricevi subito assistenza fiscale gratuita

All’interno della piattaforma FlexSuite puoi anche simulare le tasse da pagare, scaricare guide fiscali, utilizzare il gestionale di fatturazione e molto altro.

Tasse e contributi per Agrotecnico

Quali tasse devo pagare come Agrotecnico in Partita iva?

Attraverso questo articolo andiamo ad illustrare quante “tasse” dovrai versare aprendo Partita Iva come agrotecnico.

Come agrotecnico, l’unico codice Ateco che puoi adottare è:

  • 74.90.12Consulenza agraria fornita da agrotecnici

che include:

– servizi prestati da agrotecnici

Indipendentemente dal regime fiscale che scegli di adottare, i contributi non dovranno essere versati all’INPS, ma alla tua cassa previdenziale specifica, ovvero l’ENPAIA. Per conoscere i modi e gli importi da versare, potrai consultare direttamente l’Ente: ENPAIA.

Le imposte variano a seconda del regime fiscale che scegli di adottare.

Se scegli di adottare il regime Forfettario, quindi rispetti tutti i suoi limiti, il tuo reddito imponibile verrà calcolato abbattendo i tuoi ricavi del coefficiente di redditività: ovvero la percentuale associata al codice Ateco da te adottato.
Il coefficiente di redditività che appartiene al codice Ateco che adotterai è del 78%.

Calcola gratis le tasse da pagare e richiedi assistenza fiscale​

Inizia Gratis

Con il regime Forfettario dovrai versare una sola imposta: l’imposta sostitutiva con l’aliquota del 15%, ma che potrà essere ridotta al 5% per i primi 5 anni di attività se rispetti determinate condizioni:

Regime forfettario imposta sostitutiva 5%

Con questo regime non sarà possibile “scaricare” alcuna spesa che sosterrai per la tua attività lavorativa e il reddito prodotto non farà cumulo con gli altri redditi da te prodotti.
Sarai esente dall’ inserire l’Iva in fattura. Dovrai, però, versare l’imposta di bollo, in modo elettronico o cartaceo, di 2 euro per tutte le fatture con importi superiori a 77,47 euro.

Se, invece, scegli di adottare il Regime semplificato, il reddito imponibile su cui andrai a versare l’Irpef sarà calcolato sottraendo ai ricavi:

  • eventuali oneri deducibili (contributi previdenziali, contributi per collaboratori domestici, donazioni a istituzioni religiose, ecc.);
  • l’ammontare dei contributi previdenziali dovuti all’Inps o alla propria Cassa Previdenziale Specifica;
  • i costi sostenuti;
  • l’ammontare delle imposte dovute (Irpef, addizionali, ecc.), dopo aver sottratto alle stesse le eventuali detrazioni (per figli a carico, spese sanitarie, interessi sul mutuo, ristrutturazioni edilizie, etc.).

Inoltre, il reddito, se sei in regime Semplificato da Partita iva, andrà a far cumulo con gli altri tuoi redditi e dovrai versare l’Irpef, che seguirà il metodo tradizionale a scaglioni:

  • per i redditi fino a 15.000 € l’aliquota Irpef pari al 23%;
  • da 15.001 € a 28.000 € l’aliquota Irpef pari al 25%;
  • da 28.001 € a 50.000 € l’aliquota Irpef pari al 35%;
  • da 50.001 € in poi l’aliquota Irpef pari al 43%.

Dovrai, infine, inserire l’Iva in fattura ed effettuare la liquidazione con cadenza mensile o trimestrale.

In FlexTax potrai trovare diversi servizi in base al tipo di regime da te adottato: registrati gratis e richiedi gratuitamente la tua consulenza fiscale!

I nostri professionisti saranno lieti di fornirti tutte le informazioni necessarie per effettuare le tue valutazioni e per chiarire tutti i tuoi dubbi in materia fiscale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

ARTICOLI SIMILI