Spese deducibili nel regime Forfettario

Spese nel regime Forfettario

Se stai leggendo questo articolo probabilmente ti sarai chiesto se esistono delle spese deducibili nel regime Forfettario e se sì quali sono.

Il regime Forfettario è ad oggi il regime fiscale che prevede maggiori agevolazioni fiscali e contabili. In particolare, si differenzia dagli altri per:

  • il modo in cui si calcola il reddito imponibile su cui il contribuente andrà a versare imposte e contributi;
  • come si individuano le spese sostenute;

In questo articolo andremo ad analizzare come si calcola il reddito imponibile e quali sono le spese deducibili nel regime Forfettario.

Calcolo del reddito imponibile

Se vorrai adottare il regime Forfettario per la tua Partita Iva dovrai sincerarti di rispettare tutti i requisiti da esso previsti. Esso non è soggetto all’Irpef ma al versamento di un’unica imposta, detta appunto sostitutiva, che ha aliquota al 15% che può essere ridotta al 5% per i primi 5 anni di attività se si rispettano alcune caratteristiche.

Imposte e contributi vengono versati sul reddito imponibile che viene calcolato in modo diverso rispetto agli altri regimi. Infatti, mentre nel regime Semplificato il reddito imponibile viene calcolato sottraendo ai ricavi le spese sostenute, nel regime forfettario funziona in modo diverso.

Dovrai applicare ai ricavi, ovvero gli incassi percepiti durante l’anno d’imposta (questo regime segue infatti il principio di cassa) il coefficiente di redditività, una percentuale associata al tuo codice Ateco. Da un lato avrai appunto il reddito imponibile, dall’altro la spesa che ti viene riconosciuta in modo forfettario.

Ricevi gratuitamente la tua prima chiamata di assistenza

Attiva ora il tuo account gratuito

Facciamo un esempio: per la tua attività il coefficiente di redditività è pari al 78%. Su una base di 1.000€, avrai 780€ individuati come il tuo reddito imponibile e 220€ di spese forfettarie che ti vengono riconosciute.

Questo può essere un vantaggio o meno a seconda delle spese che sostieni per la tua attività. Infatti anche se sosterrai spese per 500€ comunque potrai compensarle solo con 220€.

Individuando appunto una spesa forfettaria, questo regime fiscale non ti permette di dedurre nessuna spesa, tranne una: i contributi versati durante l’anno d’imposta.

Andiamo a vedere che cosa vuole dire.

Contributi deducibili

Abbiamo visto che l’unica spesa deducibile sono i contributi versati durante l’anno d’imposta. Questi dipendono da come vieni inquadrato dalla tua attività:

  • Artigiano / Commerciante: sei iscritto in Camera di Commercio e alla Gestione Artigiani e Commercianti Inps alla quale versi contributi fissi per circa 3.900€ fino ad un reddito minimale di 16.243€. Superata tale soglia verserai circa il 24% sull’eccedenza.

Nel primo caso i contributi saranno versati in sede di Dichiarazione dei Redditi con i rispettivi acconti, mentre nel secondo caso i contributi fissi saranno versati con delle rate fisse durante l’anno mentre quelli eccedenti il minimale con i rispettivi acconti in sede di Dichiarazione dei Redditi.

Per capire meglio riporteremo due esempi numerici.

Gestione Separata Inps: contributi deducibili

Prendiamo come esempio un consulente di campagne marketing iscritto alla Gestione Separata Inps con coefficiente di redditività 78% che apre la sua Partita Iva nel 2019.

Nel primo anno non dovrà versare niente perché lo dovrà fare in sede della prima Dichiarazione dei Redditi, che sarà il 30 Giugno del 2020. Qui sarà soggetto ad una sorta di doppia tassazione poiché dovrà versare il saldo relativo al 2019 e gli acconti per l’anno in corso. Nel 2021 la situazione si regolarizza.

2019

Ricavi: 20.000€

Reddito Lordo: (20.000*78%) 15.600€

Contributi versati: –

Reddito netto: 15.600€

Imposta sostitutiva: (15.600*5%) 780€

Contributi dovuti: (15.600*26,49%) 4.132,44€

2020

Ricavi: 20.000€

Reddito Lordo: (20.000*78%) 15.600€

Contributi versati: 7.438,412€

  • Saldo 2019: 4.132,44€
  • Acconto 40% 2020 al 30 giugno: 1.652,986€
  • Acconto 40% 2020 al 30 novembre: 1.652,986€

Reddito netto: (15.600 – 7.438,412) 8.161,588€

Imposta sostitutiva: (8.161,588*5%) 408,08€

Contributi dovuti: (15.600*26,49%) 4.132,44€

2021

Ricavi: 20.000€

Reddito Lordo: (20.000*78%) 15.600€

Contributi versati: 4.130,44€

  • Saldo 2020: [15.600*26,49% – (1.652,986*2)] 824,468€
  • Acconto 40% 2021 al 30 giugno: 1.652,986€
  • Acconto 40% 2021 al 30 novembre: 1.652,986€

Reddito netto: (15.600 – 4.132,44) 11.467,56€

Imposta sostitutiva: (11.467,56*5%) 573,378€

Contributi dovuti: (15.600*26,49%) 4.132,44€

La parte evidenziata in grassetto è il calcolo del reddito imponibile netto, ovvero il reddito imponibile lordo dal quale vengono dedotti i contributi versati nell’anno d’imposta.

Gestione Artigiani e Commercianti Inps: contributi deducibili

Prendiamo come esempio un artigiano iscritto alla Gestione Artigiani Inps per il quale sono previsti contributi fissi per 3.905,76€ e il versamento del 24% sull’eccedenza del minimale di 16.243€, con coefficiente di reddittività 67%.

A differenza dell’esempio precedente, il contribuente avrà già versato durante l’anno di apertura della Partita Iva parte dei contributi fissi. Questi infatti vengono versati in 4 rate fisse: 16 maggio 2022, 22 agosto 2022, 16 novembre 2022 e 16 febbraio 2023.

2019

Ricavi: 30.000€

Reddito Lordo: 20.100€

Contributi versati: 976,44€ (3 rate di 3.905,76€)

Reddito netto: (20.100 – 976,44) 19.123,56€

Imposta sostitutiva: (19.123,56€*5%) 956,178€

Contributi eccedenti il minimale: [(20.100 – 16.243)*24%) 925,68€

2020

Ricavi: 30.000€

Reddito Lordo: 20.100€

Contributi versati: 5.757,12€

  • Contributi fissi: 3.905,76€ (4 rate)
  • Saldo 2019 (24% su eccedenza): 925,68€
  • Acconto 50% 2020 al 30 giugno: 462.84€
  • Acconto 50% 2020 al 30 novembre: 462.84€

Reddito netto: (20.100 – 5.757,12) 14.642,88€

Imposta sostitutiva: (14.642,88*5%) 717,144€

Contributi eccedenti il minimale: [(20.100 – 16.243)*24%) 925,68€

2021

Ricavi: 30.000€

Reddito Lordo: 20.100€

Contributi versati: 4.831,44€

  • Contributi fissi: 3.905,76€ (4 rate)
  • Saldo 2020 (24% su eccedenza): –
  • Acconto 50% 2021 al 30 giugno: 462.84€
  • Acconto 50% 2021 al 30 novembre: 462.84€

Reddito netto: (20.100 – 4.831,44) 15.268,56€

Imposta sostitutiva: (15.268,56*5%) 763,428€

Contributi eccedenti il minimale: [(20.100 – 16.243)*24%) 925,68€

Spese deducibili nel regime Forfettario

Ricapitolando quanto riportato:

  • Nel regime Forfettario le spese sostenute non sono calcolate in modo analitico ma individuate in modo forfettario secondo il coefficiente di redditività associato al proprio codice Ateco;
  • l’unica spesa deducibile dal reddito imponibile lordo (ricavi*coefficiente di redditività) per il calcolo del reddito imponibile netto (su cui verserai l’imposta sostitutiva) sono i contributi versati nell’anno d’imposta.

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (1 votes, average: 5,00 out of 5)
Loading...
Rachele di FlexTax

Rachele di FlexTax

Ti è stato utile questo articolo? Condividilo!

Facebook
Twitter
LinkedIn
WhatsApp
Telegram
Email

Articoli suggeriti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ricevi gratuitamente la tua prima chiamata di assistenza
Crea il tuo
Account Gratuito

Le recensioni dei nostri utenti

FlexTax Guide

Ti aiutiamo a gestire la tua Partita Iva

Carrello
Prodotto non più disponibile, il carrello è vuoto.
Continua a fare acquisti
0
Torna su

Parla gratis con un nostro esperto

Parla gratis con un nostro esperto

Iscriviti gratis

Inizia a usare FlexTax

Scopri i vantaggi dell'innovativa piattaforma per Partite Iva.

Accesso Freemium

Registrati e accedi gratuitamente a servizi e strumenti di FlexTax

Accesso Plus

Se decidi di affidare la tua contabilità ai consulenti di FlexTax

E-Service

L’ E-commerce di servizi e strumenti per la gestione contabile e l’amministrazione aziendale.

Chi siamo


Esperti contabili, consulenti del lavoro, avvocati e un’azienda di innovazione digitale uniti per aiutare le imprese nella gestione della Partita Iva.