Sono esonerato dai contributi INPS se apro partita Iva come fotografo e sono anche lavoratore dipendente?

  • Domande e Risposte

Vorrei aprire una partita iva forfettaria come fotografo e necessiterei avere le seguenti informazioni: apertura p.IVA come reddito d’impresa (non freelance) – codice ateco 742019 dovrebbe essere quindi con imposta sostitutiva, per i primi 5 anni pari al 5% (sostituisce IVA, IRPEF, RIAP e non c’è bisogno di posizione INPS in quanto dipendente a tempo pieno presso altra società) occorre aprire conto corrente censito iva?

 

Se vorrà adottare il regime Forfettario per la sua Partita Iva dovrà sincerarsi di rispettare tutti i requisiti da esso previsti: Limiti regime forfettario

Nel suo caso in particolare dovrà fare attenzione a:

  • non fare concorrenza al suo attuale datore di lavoro (condizione del contratto da lavoro dipendente);
  • non superare il reddito da lavoro dipendente di 30.000€ all’anno;
  • non fatturare per più del 50% al suo attuale datore di lavoro o verso quello avuto nei due anni precedenti;

Il codice Ateco da lei indicato è corretto:

  •  74.20.19 – attività degli studi fotografici e attività di ripresa di ogni genere;

Se potrà adottare il regime Forfettario, il reddito imponibile si calcolerà applicando ai ricavi dell’anno (intesi come fatture incassate) il coefficiente di redditività: percentuale associata al suo codice Ateco che in questo caso è 78%.

Come da lei riportato, con il suddetto codice Ateco potrà essere inquadrato come artigiano, che prevede:

  • l’iscrizione in Camera di Commercio, alla quale verserà il diritto camerale annuale di circa 50€.
  • l’iscrizione alla Gestione Artigiani Inps alla dovrebbe versare contributi fissi pari a 3.905,76€ fino ad un reddito di 16.243€. Superata tale soglia li verserà nella misura del 24% sull’eccedenza.

Avendo indicato di essere un dipendente full-time, nel momento in cui si inquadrerà come Artigiano in Camera di Commercio, sarà esonerato dal versamento dei contributi Inps alla Gestione Artigiani.

Il regime Forfettario prevede il versamento di un’unica imposta al con aliquota al 15%, che potrà essere ridotta al 5% per i primi cinque anni di attività se rispetta alcune condizioni: Regime forfettario imposta sostitutiva 5%

Le indichiamo che non è ancora obbligatorio avere un conto corrente bancario intestato alla Partita Iva: potrà quindi utilizzare il suo conto personale.

Sicuramente è consigliabile per tenere in ordine la contabilità.

Condividi:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Accedi gratis al gestionale e ricevi la tua prima chiamata di assistenza

Crea il tuo Account Gratuito

Gestire la contabilità

A partire

259€

Anno / Iva Esclusa

Categorie

Guide utili

Gestire la contabilità può essere stressante.
Ti aiutiamo a rendere tutto più facile.

Articoli simili

Torna su

Parla gratis con un nostro esperto

Parla gratis con un nostro esperto