Domande e Risposte

Self Publishing e partita Iva

Vorrei aprire partita Iva per attività di self publishing. Come funziona?

Per l’attività di self-publishing, all’interno del contratto proposto da Amazon, si legge che Amazon non opera come editore, ma come semplice distributore del libro in formato elettronico. Tutte le eventuali attività legate all’editoria (online, per poter mantenere il forfettario) dovranno essere da lei svolte (banalmente, si intende anche la pubblicizzazione del libro).

Tra lei ed Amazon non ci sarà un rapporto autore (lei)/editore (Amazon), bensì un rapporto autore-editore (lei)/distributore (Amazon): in altre parole possiamo dire che lei non concederà ad Amazon la facoltà di utilizzare commercialmente la sua opera e per questa ragione i guadagni derivanti dall’attività di self publishing non sono assoggettabili alla legge sul diritto d’autore (senza Partita Iva) ma devono essere tassati ordinariamente come qualsiasi attività impresa (in Partita Iva, nel suo caso aggiungendo il codice Ateco adatto).

Considerando che per partecipare al programma di Amazon KDP dovrà firmare un contratto che non prevede una termine prestabilito, l’attività che andrà a svolgere non potrà configurarsi come un’attività autonoma occasionale e dovrà aggiungere il codice Ateco dedicato:

  • 58.19.00 – Altre attività editoriali
    che include:

    • edizione, anche on-line di: cataloghi commerciali, fotografie, incisioni e cartoline, biglietti di auguri, moduli, manifesti, riproduzioni di opere d’arte, materiale pubblicitario, altro materiale a stampa;
    • calendari, cartoline riprodotte con sistemi meccanici o fotomeccanici, edizioni di registri e quaderni;
    • edizione on-line di dati ed altre pubblicazioni.

    Iscriviti alla piattaforma FlexTax e ricevi gratis il libro
    Scarica gratis ora

Al suddetto codice Ateco è associato un coefficiente di redditività pari al 67%.

É un codice Ateco che richiede l’iscrizione in Camera di Commercio e il versamento dei contributi alla Gestione artigiani e commercianti Inps secondo il seguente schema:

  • per il reddito compreso tra 0 euro e 18.415 euro: verserà contributi fissi di 4.515,43 euro;
  • superato il reddito minimale di 18.415 euro: oltre ai contributi fissi, li verserà anche in percentuale al 24,48% circa.

Adottando il forfettario, in questo caso, potrà richiedere la riduzione del 35% dei contributi: Forfettario – riduzione contributi artigiani e commercianti.

Con l’iscrizione in Camera di Commercio, dovrà versare il diritto camerale il cui importo oscilla tra i 50€ e i 100€, a seconda della Camera di Commercio alla quale ci si iscrive.

Approfondisci:
diritto annuale camerale

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *