Scadenze Fiscali Giugno 2024

Scadenze Fiscali Giugno 2024

Iscriviti gratis e ricevi subito assistenza fiscale gratuita

All’interno della piattaforma FlexSuite puoi anche simulare le tasse da pagare, scaricare guide fiscali, utilizzare il gestionale di fatturazione e molto altro.

In questo articolo vedremo le scadenze fiscali di giugno 2024.

La prima scadenza cade il 10 giugno 2024 e riguarda il versamento della 3° rata dei contributi minimi prevista dalla Cassa Enpapi.

L’Enpapi è la Cassa previdenziale specifica dedicata agli infermieri liberi professionisti.

La seconda scadenza da ricordare è quella del 17 giugno 2024, nella quale dovrai effettuare il versamento della 1° rata dell’IMU. La scadenza è generalmente fissata al 16 giugno, ma dal momento che nel 2024 il 16 giugno è una domenica, si effettua il pagamento nel corso del primo giorno lavorativo successivo alla scadenza.

L’IMU è l’imposta dovuta dai proprietari degli immobili non adibiti ad abitazione principale.

Sia che adotti il Regime Forfettario, sia che adotti il regime Ordinario Semplificato, il 30 giugno 2024 dovrai versare:

  • saldo imposte 2023
  • saldo contributi 2023
  • 1° acconto imposte 2024
  • 1° acconto contributi 2024

Iscriviti alla piattaforma FlexTax e ricevi gratis il libro
Scarica gratis ora

L’importo che ne deriva potrà essere suddiviso in rate.

Nel 2024, anche il 30 giugno cade di domenica, pertanto il pagamento della prima rata della Dichiarazione dei redditi è prevista per il 1° luglio, un lunedì.

Scadenze Fiscali Giugno 2024 per Liberi Professionisti

Indipendentemente dal regime fiscale adottato, se nel 2023 hai aperto Partita Iva come libero Professionista e versi i contributi in Gestione Separata Inps allora dovrai procedere ai seguenti versamenti:

30 giugno 2024 (1°luglio)

  • saldo imposte 2023
  • saldo contributi 2023
  • 1° acconto 50% imposte 2024
  • 1° acconto 40% contributi 2024

Artigiani e Commercianti

Anche in questo caso indipendentemente dal regime fiscale adottato, se nel 2023 hai aperto Partita Iva come Artigiano o Commerciante e versi i contributi alla Gestione Artigiani e Commercianti Inps, dovrai procedere con i seguenti pagamenti:

  • saldo imposte 2023
  • saldo eventuali contributi sull’eccedenza 2023
  • 1° acconto 50% imposte 2024
  • 1° acconto 50% eventuali contributi sull’eccedenza 2024

Abbiamo specificato “eventuali” in quanto per Artigiani e Commercianti è previsto il versamento dei contributi fissi per il reddito al di sotto del reddito minimale (17.504€ per il 2023 e 18.415€ per il 2024).

Se invece il tuo reddito imponibile supera il reddito minimale, oltre al versamento dei fissi, è previsto anche il versamento dei contributi in percentuale:

  • 24% per Artigiani
  • 24,48% per Commercianti

Se sei iscritto in Gestione Commercianti Inps ma svolgi attività di affittacamere o di produttore di assicurazione appartenente al terzo o al quarto tipo, sicuramente dovrai versare i contributi previdenziali alle scadenze che abbiamo poco fa menzionato. Questo perché affittacamere e produttori di assicurazione appartenente al terzo o al quarto tipo non versano contributi fissi, versano esclusivamente i contributi in percentuale sul reddito imponibile.

Dunque, facendo un riassunto, le scadenze da ricordare per il mese di giugno 2024 sono le seguenti:

  • 10 giugno – 3° rata minimi Enpapi
  • 17 giugno – 1° rata IMU
  • Per il 2024 la scadenza del 30 giugno (saldo imposte e contributi 2023; 1° acconto imposta e contributi 2024) scala al 1° luglio 2024.

Qualora avessi bisogno di ulteriori informazioni e chiarimenti, iscriviti gratis a FlexTax: la nostra Assistenza è sempre a tua disposizione!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *