Aprire Partita IvaScadenze fiscali giugno 2023

Iscriviti gratis e ricevi subito assistenza fiscale gratuita

Aprire Partita Iva

In questa pagina vedremo quali sono le scadenze fiscali di giugno 2023.

La prima data da tenere a mente è il 16 giugno 2023: corrisponde infatti alla data nella quale dovrai effettuare il versamento della prima rata dell’IMU, ovvero l’imposta dovuta dai proprietari di immobili non adibiti ad abitazione principale.

Indipendentemente che tu abbia scelto di adottare il Regime Forfettario o il Regime Ordinario Semplificato, il 30 Giugno verserai:

  • saldo imposte 2022
  • 1° acconto imposte 2023
  • saldo contributi 2022
  • 1° acconto contributi 2023

L’importo da versare il 30 giugno 2023, è suddivisibile fino a 6 rate.

SCADENZE FISCALI GIUGNO 2023 PROFESSIONISTI

Se hai aperto Partita Iva come libero professionista, iscritto in Gestione Separata Inps, il 30 Giugno 2023 dovrai versare:

  • saldo imposte 2022
  • Guida Facile al Regime Forfettario

    Iscriviti alla piattaforma FlexTax e ricevi gratis il libro
    Scarica gratis ora

  • 1° acconto 50% imposte 2023
  • saldo contributi 2022
  • 1° acconto 40% contributi 2023

Gli acconti, sia di imposte che di contributi, vengono calcolati su quanto dovuto per l’anno 2022.

Pertanto, oltre al saldo di imposte e contributi del 2022, verserai anche, come acconto, il 100% del saldo delle imposte 2022 (50% 1° acconto 2023 e 50% 2° acconto 2023) e l’80% del saldo dei contributi 2022 (40% 1° acconto 2023 e 40% 2° acconto 2023).

Se hai aperto Partita Iva nel 2023 come libero professionista in Gestione Separata Inps, puoi ignorare questa scadenza in quanto presenterai la tua prima Dichiarazione dei redditi ed effettuerai i primi versamenti a giugno del 2024.

SCADENZE FISCALI GIUGNO 2023 ARTIGIANI E COMMERCIANTI

Se hai aperto Partita Iva come artigiano o come commerciante, il 30 Giugno dovrai versare:

  • saldo imposte 2022
  • 1° acconto 50% imposte 2023
  • saldo eventuali contributi sull’eccedenza 2022
  • 1° acconto 50% eventuali contributi sull’eccedenza 2023

Come mai abbiamo indicato “eventuali contributi”? Perché la Gestione Artigiani e Commercianti Inps prevede che si versino i contributi in percentuale, alle scadenze delle imposte esclusivamente se il tuo reddito supera il reddito minimale (fissato a 16.243€ per l’anno 2022 e a 17.504€ per l’anno 2023).

Ne consegue che se il tuo reddito imponibile è inferiore al reddito minimale, verserai esclusivamente i contributi fissi, dovuti a scadenze differenti da quelle previste per le imposte e per i contributi in percentuale sull’eccedenza.

N.B. Se hai aperto partita Iva nel 2023 come artigiano o come commerciante, questa scadenza non è di tuo interesse in quanto nel 2023 dovrai versare solo i contributi fissi: compilerai la tua prima Dichiarazione dei redditi a Giugno del 2024.

Se hai aperto Partita Iva come artigiano o come commerciante e sei iscritto dunque in Camera di Commercio, per te il 30 giugno rappresenta un’ulteriore scadenza: dovrai infatti versare il diritto camerale annuale (richiesto dalla Camera di Commercio).

Rivediamo schematicamente tutte le scadenze di cui abbiamo fino ad ora discusso:

  • 16 giugno: prima rata IMU
  • 30 giugno:

– saldo imposte 2022
– saldo contributi 2022
– 1° acconto 50% imposte 2023
– 1° acconto (40% o 50%) contributi 2023

– diritto camerale annuale

Qualora qualcosa non fosse chiaro non preoccuparti, la nostra Assistenza fiscale è a tua disposizione per tutto il supporto di cui necessiti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Adv

Gestire la contabilità
può essere stressante

Ti aiutiamo a rendere tutto più facile
Fai il primo passo