Scadenze fiscali di maggio 2023

Aprire Partita Iva

Iscriviti gratis e ricevi subito assistenza fiscale gratuita

All’interno della piattaforma FlexSuite puoi anche simulare le tasse da pagare, scaricare guide fiscali, utilizzare il gestionale di fatturazione e molto altro.

In questo articolo vedremo quali sono le scadenze fiscali da tenere a mente per il mese di maggio 2023.

Dovrai prestare attenzione alle seguenti scadenze fiscali nel mese di maggio 2023:

  • 16 maggio – Pagamento 1° rata contributi fissi Inps Artigiani e Commercianti
  • 16 maggio – Pagamento 2° rata INAIL
  • 16 maggio – Versamento Iva
  • 31 maggio – Bollo elettronico 1° trimestre 2023

Vediamole di seguito nel dettaglio.

16 maggio 2023: 1° rata contributi fissi artigiani e commercianti

Se sei un artigiano o un commerciante, indipendentemente dal Regime fiscale che adotti (Regime forfettario o Regime ordinario semplificato), dovrai versare la prima rata dei contributi fissi.

I contributi fissi per Artigiani e Commercianti si versano in quattro rate e ammontano a circa 4.200€ (entro un reddito minimale pari a 17.504€):

Iscriviti alla piattaforma FlexTax e ricevi gratis il libro
Scarica gratis ora

  • 16 maggio – Rata fissa Inps Artigiani e Commercianti (1° rata)
  • 21 agosto – Rata fissa Inps Artigiani e Commercianti (2° rata)
  • 16 novembre – Rata fissa Inps Artigiani e Commercianti (3° rata)
  • 16 febbraio dell’anno successivo – Rata fissa Inps Artigiani e Commercianti (4° rata)

I contributi eccedenti il minimale (17.504€) devono essere invece versati con le stesse scadenze delle imposte (30 giugno e 30 novembre).

Attenzione: se contestualmente alla tua attività in Partita Iva svolgi anche un lavoro dipendente full-time e hai richiesto l’esonero contributivo, non sei tenuto al versamento dei contributi fissi e pertanto questa scadenza non sarà di tuo interesse.

16 maggio 2023: 2° rata Inail

Se la tua attività prevede l’iscrizione all’INAIL (Istituto Nazionale Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro), indipendentemente dal Regime fiscale adottato, è necessario il versamento del Premio INAIL: l’importo del premio viene calcolato dall’Inail stessa sulla base della percentuale di rischio della tua attività.

L’importo può essere suddiviso in 4 rate, secondo le seguenti scadenze:

  • 16 febbraio – Premio INAIL 1° rata
  • 16 maggio – Premio INAIL 2° rata
  • 20 agosto – Premio INAIL 3° rata
  • 16 novembre – Premio INAIL 4° rata

16 maggio 2023: versamento Iva

Attraverso la liquidazione Iva si determinano gli eventuali importi a credito o debito relativi ad un determinato trimestre.

Se la Liquidazione Trimestrale risulterà a debito dovrai versare l’Iva dovuta nelle seguenti date:

  • 16 maggio
  • 20 agosto
  • 16 ottobre
  • 16 febbraio dell’anno successivo

31 maggio 2023 – Bollo elettronico 1° trimestre 2023

Tale scadenza riguarda:

  • professionisti, artigiani e commercianti in forfettario che hanno emesso fatture (sia verso clienti italiani sia verso clienti esteri) di importo superiore a 77,47€
  • professionisti, artigiani e commercianti in semplificato che hanno emesso fatture verso l’estero di importo superiore a 77,47€.

Se hai emesso fatture elettroniche di importo superiore a 77,47€, dal 1° gennaio 2023 al 31 marzo 2023,  i bolli presenti in fattura devono essere pagati attraverso il sito dell’Agenzia delle Entrate.

Sono quattro le scadenze da rispettare:

  • Bolli del 1° trimestre – da versare entro il 31 maggio 2023*
  • Bolli del 2° trimestre – da versare entro il 30 settembre 2023*
  • Bolli del 3° trimestre – da versare entro il 30 novembre 2023
  • Bolli del 4° trimestre – da versare entro il 28 febbraio 2024

*Attenzione: se il totale da versare nel 1° trimestre non raggiunge i 250 euro, l’importo può essere pagato entro il 30 settembre.

In caso il totale dei bolli relativi al 1° e al 2° trimestre non raggiunga i 250 euro, il pagamento può essere effettuato entro il 30 novembre.

Per procedere alla consultazione e al pagamento dei bolli elettronici, bisogna accedere al sito dell’Agenzia delle Entrate tramite Carta di Identità Digitale, credenziali dell’Agenzia delle Entrate, Smart Card o SPID.

Per effettuare il pagamento potrai seguire la nostra guida: Come pagare il bollo delle fatture elettroniche.

Per qualsiasi dubbio la nostra Assistenza è a tua disposizione!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

ARTICOLI SIMILI