Regime forfettario per muratori

Muratori in Regime forfettario

Se come muratore sei titolare di una Partita Iva, potresti accedere al Regime forfettario per muratori.

La prima cosa da tenere presente se stai valutando questo Regime fiscale è la presenza di limiti di accesso precisi e cause di esclusione: se rientri anche solo in una di quest’ultime, non potrai adottare il Forfettario.

Andiamo ora ad analizzare gli aspetti più importanti del Regime Forfettario in riferimento alla tua attività di muratore.

Codice Ateco per muratori

Ogni soggetto che apre la Partita Iva si troverà a scegliere un Codice Ateco specifico che identifichi la tipologia della sua attività.

Per te che sei un muratore, i Codici Ateco che identificano la tua attività sono i seguenti:

  • 43.39.01 Attività non specializzate di lavori edili (muratori), in cui rientrano piccoli lavori edili cimiteriali.
  • 43.39.09 Altri lavori di completamento e di finitura degli edifici nca, da scegliere se svolgi:

– installazione di caminetti;


– costruzione di sottofondi per pavimenti;

– pulizia di nuovi edifici dopo la costruzione.

Ad ogni Codice Ateco corrisponde un coefficiente di redditività, indispensabile per ottenere il reddito imponibile su cui si calcolano poi imposta e contributi che dovrai versare.

Il coefficiente di redditività per te che sei un muratore in Partita Iva ha un’aliquota dell’86%.

Regime forfettario per muratori: tassazione

Se adotti il Regime forfettario per muratori, sarai tenuto a versare:

  • Imposta sostitutiva
  • Contributi previdenziali obbligatori
  • Diritto camerale annuale.

L’imposta sostitutiva prevede un’aliquota del 15%, tranne alcuni casi nei quali si può chiedere la riduzione al 5% per i primi 5 anni di attività.

Essa si applica al reddito imponibile: quest’ultimo è il risultato dell’applicazione ai ricavi del tuo coefficiente di redditività (86%).

Come muratore, sarai qualificato come Artigiano, e dovrai perciò iscriverti alla Camera di Commercio (versando il diritto camerale, una quota annuale di circa 50 euro) e alla Gestione Artigiani Inps, alla quale verserai i contributi previdenziali obbligatori.

Di seguito ti mostriamo come dovrai calcolare tali contributi:

  • Se il tuo reddito va da 0 a 15.953 euro (reddito minimale), dovrai versare un contributo fisso di 3.836,16 euro all’anno;
  • Se il tuo reddito va dai 15.953 euro in su, oltre ai contributi fissi, dovrai versare anche quelli sul reddito eccedente il minimale, calcolandoli con l’aliquota del 24%.

Potrai inoltre richiedere la riduzione del 35% dei contributi: per ottenerla dovrai collegarti al sito dell’Inps ed inviare telematicamente il modulo.

Tieni presente però che potrai farlo una volta soltanto e se con tale riduzione non arrivi a versare la soglia fissa dei 3.836,16 euro, ti verranno ridotte le settimane accreditate ai fini pensionistici.

Se, invece, riesci a raggiungere la soglia minima della contribuzione, non ti verrà scalata alcune settimane.

Regime forfettario per muratori: Esempio di tassazione

Ti riportiamo qui di seguito un esempio di tassazione alla quale sarai soggetto come muratore in forfettario, supponendo che tu non abbia richiesto né la riduzione del 35% dei contributi né quella dell’imposta sostitutiva al 5%:

Ricavi: 40.000 euro

Coefficiente di redditività: 86%

Reddito imponibile: 34.400 euro (40.000 x 86%)

Imposta sostitutiva: 5.160 euro (34.400 x 15%)

Contributi fissi: 3.836,16 euro

Contributi eccedenti il minimale: 4.427,28 euro (34.400 – 15.953 x 24%)

Riassumendo: se sei un muratore e decidi di adottare il Regime forfettario per muratori, a 40.000 euro di ricavi corrisponde un totale di 13.423,44 euro di tasse da versare, tra imposta (5.160 euro) e contributi (3.836,16 + 4.427,28 euro).

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (1 votes, average: 5,00 out of 5)
Loading...
Fabio Palazzo

Fabio Palazzo

Ti è stato utile questo articolo? Condividilo!

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram

Articoli suggeriti

Lascia un commento

Ti aiutiamo a gestire la tua Partita Iva