regime forfettarioRegime Forfettario per dare ripetizioni

Iscriviti gratis e ricevi subito assistenza fiscale gratuita

regime forfettario

Dare ripetizioni in Regime Forfettario

Se possiedo Partita Iva per dare ripetizioni, posso accedere al Regime forfettario? Questo Regime fiscale permette a chi possiede Partita Iva individuale di ottenere vantaggi e semplificazioni di tipo contabile e fiscale, ma non tutti possono accedervi: infatti è necessario assicurarsi di non ricadere in nessuna delle cause di esclusione.

In questo articolo vedremo le caratteristiche principali del Regime Forfettario per chi come te vuole dare ripetizioni.

Scelta del Codice ATECO

Ogni attività svolta con Partita Iva viene identificata dall’ISTAT attraverso un diverso Codice ATECO. Quest’ultimo è una sequenza numerica che deve essere comunicata all’Agenzia delle Entrate nel momento in cui decidi di avviare la tua attività per dare ripetizioni.

Il Codice ATECO per docenti privati o comunque per tutti coloro che impartiscono lezioni o ripetizioni è il:

  • 85.59.90Altri servizi di istruzione nca

che include:
– centri che offrono corsi di recupero
– servizi di tutoraggio universitario
– corsi di preparazione agli esami di abilitazione professionale
– formazione religiosa
– corsi di salvataggio

Guida Facile al Regime Forfettario

Iscriviti alla piattaforma FlexTax e ricevi gratis il libro
Scarica gratis ora

– corsi di sopravvivenza
– corsi di lettura veloce

È fondamentale scegliere il corretto Codice ATECO, poiché ad ognuno è associato un diverso coefficiente di redditività, strumento indispensabile per il calcolo dell’imposta sostitutiva e dei contributi previdenziali obbligatori.

Calcolo dell’imposta per dare ripetizioni in Regime forfettario

È molto semplice il calcolo dell’imposta sostituiva per i contribuenti in Forfettario che danno ripetizioni, poiché è sufficiente seguire questi passaggi:

Reddito imponibile lordo: ricavi x coefficiente di redditività
Reddito imponibile netto: reddito imponibile lordo – contributi obbligatori versati nell’anno
Imposta sostitutiva: reddito imponibile netto x aliquota d’imposta (al 15 o al 5% in alcuni casi).

Esempio:

Ricavi: 10.000
Coefficiente di redditività: 78%
Contributi obbligatori versati: 1.000 €
Reddito imponibile lordo: 7.800 € (10.000 x 78%)
Reddito imponibile netto: 6.800 € (7.800 – 1.000)
Imposta dovuta allo Stato: 1.020 € (6.800 x 15%)

Contributi INPS per dare ripetizioni in Regime forfettario

Oltre al pagamento dell’imposta sostitutiva, dovrai versare i contributi previdenziali alla Gestione Separata INPS. Al reddito imponibile lordo (ricavi x coefficiente di redditività del 78%) si applica un’aliquota pari al 26,07%.

Questo vuol dire che non dovrai versare contributi fissi obbligatori, ma lo farai in maniera percentuale.

Esempio:

Ricavi: € 10.000
Coefficiente di redditività: 78%
Reddito: € 7.800 (10.000 x 78%)
Contributi Gestione Separata INPS: € 2.033,46 (7.800 x 26,07%).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Adv

Gestire la contabilità
può essere stressante

Ti aiutiamo a rendere tutto più facile
Fai il primo passo