Regime forfettario detrazione mutuo

Regime forfettario detrazione mutuo

Una domanda a cui spesso ci troviamo a rispondere è: “Ho adottato il Regime forfettario, in che modo posso avere la detrazione delle spese del mutuo?”

Con calma, cercheremo di chiariti i dubbi che hai sugli importi che si possono dedurre/detrarre nel Regime forfettario.

Regime forfettario detrazione mutuo: problema

Se hai aderito al Regime forfettario e ti stai chiedendo come poter detrarre le spese che sostieni per il tuo mutuo, la tua ricerca può terminare: non potrai sottrarle dai tuoi ricavi.

Infatti, tutti i contribuenti che vi aderiscono hanno da una parte molte semplificazioni contabili e fiscali ma dall’altra perdono la possibilità di detrarre qualsiasi spesa aggiuntiva, oltre quelle calcolate in modo forfettario, sostenute per lo svolgimento dell’attività.

Per aver chiari tutti i vantaggi di cui potrai usufruire aderendo al Regime forfettario, ti consigliamo di leggere il seguente articolo: Vantaggi Regime forfettario

Regime forfettario detrazione mutuo: non possibile

Partiamo con specificare che nel Regime forfettario, al totale dei ricavi conseguiti, per calcolare il Reddito imponibile, puoi sottrarre solamente le spese forfettarie.


Cosa sono le spese forfettarie?

Le spese forfettarie vengono determinate attraverso l’applicazione di percentuali fisse sui ricavi conseguiti, tali aliquote variano a seconda della tipologia di attività da te svolta.

Le spese forfettarie sono determinate all’interno di ciascun codice ATECO, per avere una panoramica dei codici ATECO e dei relativi coefficienti di redditività (quindi automaticamente anche delle spese forfettarie che ti vengono riconosciute per la tua attività), ti consigliamo di leggere il nostro articolo dedicato: Regime forfettario coefficiente di redditività

Esempio

Per esempio, per una determinata attività, il coefficiente di redditività risulta essere del 78% e se si generano 1.000 euro di fatturato, risulta che:

Il Reddito imponibile lordo sarà di 780 euro, per ottenere quello netto sul quale calcolare l’imposta sostitutiva, dovrai sottrarre ancora i contributi Inps pagati per l’anno precedente.

Le spese forfettarie, in questo caso, saranno di 220 euro (22% di 1.000).

Nel Regime forfettario per calcolare il Reddito imponibile, ad esso (oltre le spese forfettarie) non potrai detrarre e/o dedurre nessun’altra spesa e nessun altro tipo di costo, comprese agevolazioni per carichi familiari.

Di conseguenza, anche le detrazioni per il tuo mutuo, nel Regime forfettario non sono possibili.

Regime forfettario detrazione mutuo: conclusioni

Per concludere, ora che sei a conoscenza di questa caratteristica fondamentale del Regime forfettario, prima di aderirvi (o se già lo adoperi) devi analizzare se per la tua situazione e la tua attività, risulta essere davvero un Regime vantaggioso e conveniente.

Approfondisci qui quando non conviene il Regime forfettario.

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (3 votes, average: 5,00 out of 5)
Loading...
Anna di FlexTax

Anna di FlexTax

Ti è stato utile questo articolo? Condividilo!

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram

Articoli suggeriti

Questo articolo ha 0 commenti.

  1. Avatar
    Carlo

    Non è vero, nel regime forfettario si detraggono anche i contributi previdenziali. Meno male che siete esperti di tasse!

    1. Flex Tax
      Flex Tax

      Buonasera Carlo,

      Se legge attentamente il nostro articolo, può notare che nell’esempio riportato, indichiamo che dal reddito imponibile lordo, per ottenere il reddito imponibile netto per il calcolo dell’imposta sostitutiva, devono essere dedotti i contributi Inps pagati l’anno precedente.

      Le riporto di seguito l’estratto che probabilmente le è sfuggito:

      “Esempio

      Per esempio, per una determinata attività, il coefficiente di redditività risulta essere del 78% e se si generano 1.000 euro di fatturato, risulta che:

      Il Reddito imponibile lordo sarà di 780 euro, per ottenere quello netto sul quale calcolare l’imposta sostitutiva, dovrai sottrarre ancora i contributi Inps pagati per l’anno precedente“.

      Nell’esempio abbiamo preso in considerazione un consulente con 78% di coefficiente di redditività, pertanto abbiamo indicato i contributi Inps, per analogia, ovviamente, sono deducibili tutti i contributi previdenziali obbligatoriamente versati.

      La ringraziamo e le auguriamo una buona serata.

Lascia un commento

Ti aiutiamo a gestire la tua Partita Iva