Regime forfettario datore di lavoro estero

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram

Regime forfettario datore di lavoro estero

Una delle cause di esclusione per il Regime forfettario è quella relativa all’ex o attuale datore di lavoro.

Secondo la Normativa, infatti, chi fattura prevalentemente (più del 50% dei ricavi) nei confronti dell’attuale o ex (degli ultimi due anni) datore di lavoro, l’anno successivo sarà escluso dal Regime forfettario.

Ma se fatturo prevalentemente nei confronti del mio ex datore di lavoro estero, vale lo stesso la causa di esclusione?

L’Agenzia delle Entrate si è espressa recentemente in un interpello (domanda) di un contribuente, stabilendo che in questo caso non opera la causa di esclusione.

Dunque, se aderisci al Regime forfettario e al termine dell’anno (ad esempio al 31 dicembre 2019) rilevi di aver fatturato prevalentemente nei confronti del tuo ex datore di lavoro estero, potrai comunque accedere al Regime forfettario anche nel 2020, se rispetti tutte le altre cause di esclusione.

Regime forfettario datore di lavoro: interpello n. 173 del 30/05/2019

Sono un cittadino italiano, residente all’estero.

Lavoro con un contratto a tempo indeterminato come sviluppatore di software.

Se rientro in Italia posso aderire al Regime forfettario, anche se all’inizio potrei fatturare prevalentemente nei confronti del mio ultimo datore di lavoro estero?

RISPOSTA DELL’AGENZIA DELLE ENTRATE

L’Agenzia delle Entrate, nell’interpello n. 173 del 30/05/2019, ricorda che la causa di esclusione in esame intende evitare artificiose trasformazioni di attività di lavoro dipendente in attività di lavoro autonomo.

Mentre la circostanza che il professionista possa instaurare un rapporto di lavoro autonomo con un soggetto estero, con il quale è intercorso, sempre all’estero, un rapporto di lavoro dipendente durante il periodo di sorveglianza, escluderebbe la sussistenza di un’artificiosa trasformazione.

Non vi è, infatti, alcun criterio di collegamento con il territorio dello Stato dei redditi di lavoro dipendente percepiti all’estero.

Dunque, se il contribuente rientra in Italia e risulta residente in Italia ai fini fiscali, potrà aderire al Regime forfettario, in assenza delle altre cause di esclusione.

Se hai bisogno di ulteriori informazioni riguardanti il Regime forfettario o la Flat Tax 2020, puoi richiedere assistenza ai nostri esperti.

Quanto è stato utile questo articolo? Vota. 

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (1 votes, average: 5,00 out of 5)
Loading...

 

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (1 votes, average: 5,00 out of 5)
Loading...

Ti è stato utile questo articolo? Dillo in giro!

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram

Lascia un commento

flexsupport_white

Ti aiutiamo a gestire la tua Partita Iva

Chiudi il menu
×

Carrello

Inizia a usare Flex Tax

Scopri i vantaggi dell'innovativa piattaforma per Partite Iva.

Gestione contabile

Consulente dedicato, adempimenti contabili e fiscali.

Apertura Partita Iva

Apertura Partita Iva, consulente dedicato, adempimenti fiscali e contabili.

Consulente Fiscale

Hai domande sul Regime Forfettario e Semplificato? I nostri consulenti rispondono

Calcolo Tasse

Per sapere in anticipo quante tasse dovrai pagare, usa il nostro simulatore per il Regime Forfettario.

E-Service

L’ E-commerce di servizi e strumenti per la gestione contabile e l’amministrazione aziendale.

Chi siamo


Esperti contabili, consulenti del lavoro, avvocati e un’azienda di innovazione digitale uniti per aiutare le imprese nella gestione della Partita Iva.