Regime Forfettario agente di commercio

Regime forfettario Agente di commercio è una scelta giusta?

Negli ultimi mesi molti di voi ci hanno scritto per avere risposta alle domande sul Regime forfettario per agente di commercio:

“Sono un agente di commercio, posso aderire al Regime forfettario?”

“Se svolgo l’attività di agente di commercio, il Regime forfettario mi conviene?”

L’obiettivo di questo articolo è proprio quello di fornirti tutte le informazioni per riuscire a rispondere alle due precedenti domande.

Prima di partire precisiamo che per aprire Partita Iva come Agente di commercio, dovrai essere in possesso del mandato dell’azienda per cui lavorerai (monomandatario) o di diversi mandati in caso tu sia un agente plurimandatario.

Regime forfettario agente di commercio: chi può applicarlo?

Per l’attività di agente di commercio, non esiste nessuna particolare norma che vieti la possibilità di usufruire del Regime forfettario.


Pertanto, se svolgi tale attività, per poter adottare il Regime forfettario non dovrai fare altro che rispettare il requisito d’accesso per potervi aderire, ovvero non aver conseguito ricavi maggiori di 65.000 euro nell’anno precedente e, inoltre, non dovrai far parte di nessuna delle cause di esclusione.

Se rispetterai tutte le condizioni previste, potrai finalmente avere la certezza di poter applicare il Regime forfettario.

Regime forfettario agente di commercio: conviene?

Una volta avuta la certezza di poter applicare il Regime forfettario alla tua attività di agente di commercio, la domanda immediatamente successiva che ti sarai posto sarà stata:

“Conviene applicare il Regime forfettario all’attività di agente di commercio?”

A questa domanda non c’è una risposta diretta e universale, ma essa dipende da diversi fattori.

Il Regime forfettario è caratterizzato da un particolare meccanismo per il calcolo del reddito imponibile: si applica il coefficiente di redditività ai ricavi conseguiti e si ottiene automaticamente il reddito imponibile, senza che si possano detrarre/dedurre altre tipologie di spese.

Se infatti da una parte il Regime forfettario consente di pagare un’unica imposta di aliquota standard del 15%, dall’altra non permette di poter dedurre/detrarre alcuna altra tipologia di spesa, come ad esempio importi relativi sia ai carichi familiari che a tutte le spese sostenute per gli stessi.

Agente di commercio: calcolo imposte ed Enasarco in Regime Forfettario

Quando si decide di applicare il regime forfettario, le “uscite” che si devono sostenere sono di tre tipologie:

  • Imposta sostitutiva al 15% – In alcuni casi l’aliquota può essere ridotta al 5% se si rispettano le condizioni.
  • Contributi Inps – Nel caso di agenti di commercio è previsto l’obbligo di iscrizione alla Gestione Commercianti

Proviamo a fare un esempio supponendo che l’agente di commercio Mario, abbia conseguito 30.000 euro di ricavi e, data la sua attività, il coefficiente di redditività relativo sia del 62%.

Applicando il Regime forfettario pagherebbe i seguenti importi tra contributi alla Gestione Commercianti e imposta sostitutiva.

Reddito imponibile: € 18.600 (30.000 x 62%)

Imposta sostitutiva al 15%: € 2.790 (18.600 x 15%)

Contributi Inps sul minimale (€ 15.953): € 3.850 circa (quota fissa anche se reddito nullo)

Contributi Inps eccedenti il minimale: € 637,66 (18.600-15.953 = 2.890 x 24,09%)

Ovviamente oltre i contributi alla Gestione commercianti, si dovranno versare anche i contributi all’ENASARCO, le modalità con cui calcolare quanto dovuto, le troverete direttamente sul corrispondente sito sempre aggiornato: Calcolo contributi ENASARCO

N.B.: Si tenga presente che nel calcolo riportato nell’esempio, al fine di renderlo più semplice, non si sono dedotti dal reddito imponibile i contributi obbligatori versati nell’anno.

A fronte di questi conteggi dovrai valutare se l’abbattimento dell’aliquota al 15% possa essere conveniente visto che ti sarà preclusa la possibilità di detrarre o dedurre importi relativi sia ai carichi familiari, sia a costi di ristrutturazione, ecc.

Per verificare la convenienza dell’applicazione del Regime forfettario, dovrai anche considerare anche la possibilità di richiedere la riduzione del 35% dell’Inps da versare, con conseguente riduzione proporzionale delle settimane accreditate nell’anno.

In conclusione non esiste una risposta universale sulla convenienza del Regime forfettario per gli agenti di commercio ma dovrai calcolare se il vantaggio derivante dal pagamento di un’unica imposta al 15% non venga dissolto dal fatto di non poter “scaricare” dal reddito altre tipologie di spese sostenute.

Se hai bisogno di informazioni specifiche sui servizi di FlexTax, ti chiamiamo noi nella fascia oraria da te indicata, crea il tuo Account su FlexSuite e prenota la tua chiamata attraverso FlexSupport alla voce “info sui servizi”.

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (2 votes, average: 5,00 out of 5)
Loading...
Anna di FlexTax

Anna di FlexTax

Ti è stato utile questo articolo? Condividilo!

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram

Articoli suggeriti

Questo articolo ha 13 commenti.

  1. Avatar
    Ivan

    Salve, avrei due domande:
    1) in fase di dichiarazione dei redditi, sul modulo unico,
    per quanto riguarda il contributo che eccede il minimale (RR2 colonna 26),
    va inserita anche l’agevolazione del 35% ? Se si dove e come? dato che la calcola in automatico senza il 35%…
    2) sempre per il modulo unico, per quanto riguarda i contributi previdenziali e assistenziali (quadro lm35) per un agente di commercio forfettario, si calcolano solo inps ed enasarco giusto? E se si, quali inps ed enasarco vanno calcolati?
    Esempio: quarta rata inps 2018 pagata a febbraio 2019 va calcolata? e quarta rata inps 2019 pagata nel 2020 ?

    1. Elisa di FlexTax
      Elisa di FlexTax

      Buonasera Ivan,

      Se ha piacere di ricevere assistenza specifica, le consigliamo di iscriversi alla nostra piattaforma.

      Tramite ticket potrà effettuare le sue domande e avere così assistenza fiscale.
      Se ha piacere invece di ricevere assistenza sul funzionamento dei nostri servizi, potrà prenotare la sua chiamata gratuita.

      Per iscriversi gratuitamente alla nostra piattaforma può andare in questa pagina: Creazione Account – FlexSuite
      La ringraziamo e le auguriamo buona serata!

  2. Avatar
    ANNALISA MEDDA

    Sono agente plurimanffatario dal 1999
    Vorrei avere info sul regime forfettario

    1. Elisa di FlexTax
      Elisa di FlexTax

      Buongiorno Annalisa,

      Se ha piacere di ricevere assistenza specifica, le consigliamo di iscriversi alla nostra piattaforma.

      Tramite ticket potrà effettuare le sue domande e avere così assistenza fiscale.
      Se ha piacere invece di ricevere assistenza sul funzionamento dei nostri servizi, potrà prenotare la sua chiamata gratuita.

      Per iscriversi gratuitamente alla nostra piattaforma può andare in questa pagina: Creazione Account – FlexSuite

      La ringraziamo e le auguriamo buona giornata!

  3. Avatar
    Roberto

    Buongiorno,
    Sono un venditore impiegato per lo più in negozi. Nel 2019 sono stato disoccupato ma nel 2020 ho ricevuto una proposta di impiego a partita iva. Mi chiedevo si può aprire partita iva come agente di commercio ed usare il forfettario contando di fatturare circa 30000 euro di utili nel 2020? Su questa tipologia di utile che conti dovrei fare?
    il venditore può aprire partita iva come agente di commercio o deve fare capo ad altra categoria?
    i conti sono giusti:
    30000*62% = 18600

    18600 – Contributi Inps sul minimale (€ 15.710): € 3.791,98 (quota fissa anche se reddito nullo) – Contributi Inps eccedenti il minimale: € 696,20 (18.600-15.710 = 2.890 x 24,09%) = 14111,82 €

    14111,82 * 15% =2116,77 € + Contributo Ensarco 214,00 € = 2330,77 €

    Non capisco se posso sottrarre dall’imponibile i contributi inps ed ensarco e poi tassare al 15%

    Grazie delle delucidazioni

    Roberto

    1. Anna di FlexTax
      Anna di FlexTax

      Buongiorno Roberto,

      Per configurarsi come Agente di Commercio, oltre ai requisiti necessari richiesti che può visionare sul sito della Camera di Commercio della sua Provincia, è richiesto il mandato dell’azienda per la quale si effettua tale attività (in caso di agente plurimandatario dovrà avere più lettere di mandato dalle aziende).

      Riguardo la questione dei contributi deducibili dal reddito imponibile, essi sono rappresentati non da quelli calcolati per l’anno ma quelli effettivamente pagati nell’anno. Tali importi non risultano essere uguali per il “meccanismo di saldi e acconti” relativi alla quota eccedente il minimale. Maggiori informazioni sull’argomento, può trovarle qui: Contributi deducibili Regime forfettario.

      Speriamo di averla aiutata e le auguriamo una buona giornata.

  4. Avatar
    Luca

    I vostri calcoli non sono sbagliati visto che dall’imponibile sono deducibili i contributi previdenziali Inps ed Enasarco?

    1. Flex Tax
      Flex Tax

      Buongiorno Luca,

      Nei nostri esempi non includiamo quasi mai il calcolo della deduzione dei contributi versati nell’anno perché rischia di confondere gli utenti che si perdono tra i contributi pagati nell’anno e quelli calcolati per l’anno di attività.

      Ovviamente (di solito) indichiamo di avere apportato tale semplificazione ma in questo articolo ci era sfuggito.

      Abbiamo inserito l’indicazione così che risulti più completo, la ringraziamo per la segnalazione!

      Buona giornata.

      1. Avatar
        Luca

        Grazie a voi. Buona serata

  5. Avatar
    Vito

    Buonasera, mi chiamo Vito Giordano, anno 2018 ero impiegato in una azienda a maggio mi licenziano per passare a partita Iva come agente di commercio sempre con loro. Da maggio 2018 sono a regime ordinari. Posso passare a regime forfettario?????

    1. Flex Tax
      Flex Tax

      Buongiorno Vito,

      La causa di esclusione per chi fattura prevalentemente a datori di lavoro attuali o dei due anni precedenti, è di nuova introduzione e l’Agenzia delle Entrate non ha ancora fornito un’interpretazione ufficiale delle stessa.

      Pertanto, possiamo unicamente fornirle la nostra interpretazione.

      A nostro parere se lei nel 2018 ha fatturato prevalentemente nei confronti del suo datore di lavoro dei due anni precedenti, non può applicare il Regime forfettario nel 2019.

      Purtroppo, ad oggi non possiamo dare ancora una risposta definitiva alla sua domanda, sarà necessario attendere la circolare interpretativa dell’Agenzia delle Entrate che chiarisca quale sarà l’anno da prendere da riferimento per tale esclusione.

      La ringraziamo e le auguriamo una buona giornata.

  6. Avatar
    Giancarlo

    Buongiorno, sono passata ad agente di commercio dal primo gennaio 2019, prima avevo un altro codice iva, come vendita porta a porta. Posso usufruire del regime forfettario come primo anno da agente avendo superato nel 2018 il limite dei 65000? Grazie

    1. Flex Tax
      Flex Tax

      Buonasera Giancarlo,

      Dato che lei nel 2018 ha superato i 65.000 euro di ricavi, a nostro parere anche se ha cambiato il Codice ATECO risulta incompatibile con il Regime forfettario nel 2019.

      La ringraziamo e le auguriamo una buona serata.

Lascia un commento

Diventa Socio
Investi in FlexTax

50% di credito di imposta

Ti aiutiamo a gestire la tua Partita Iva