Domande e Risposte

Quali codici Ateco utilizzare per realizzare siti, attività di marketing, pubblicità e consulenza informatica?

Quali codici Ateco potrò utilizzare per le attività che andrò a svolgere?  Mi occuperò di realizzazione di siti web propri e per terzi, realizzazione di un portale web che faccia da vetrina per la vendita di prodotti artigianali di terzi, realizzazione di un portale web proprio che realizzi dei “contest” con premi, attività di marketing e pubblicità, attività di consulenza informatica. Vorrei anche comprendere l’utilità del forfettario. Rischio di dover pagare un doppio contributo fisso INPS, sia per commercianti che per artigiani?

Quali Codici Ateco posso adottare per svolgere attività di marketing, pubblicità e consulenza informatica? Per rispondere alla sua domanda, è necessario analizzare puntualmente le attività che si appresta a compiere con la sua Partita Iva

Per la creazione di siti, se si occupa unicamente di personalizzarli (ad esempio lavorando con WordPress), il Codice Ateco che dovrà adottare è il seguente:

  • 74.10.21 – Attività dei disegnatori grafici di pagine web
    che include:

    • grafica di pagine web

Tale Codice Ateco può essere classificato come attività professionale con iscrizione alla Gestione Separata Inps.

Calcola gratis le tasse da pagare e richiedi assistenza fiscale​

Inizia Gratis

Se, invece, crea proprio i siti scrivendo il codice e non avvalendosi di CMS già esistenti, dovrà adottare il seguente codice Ateco:

  • 62.01.00 – Produzione di software non connesso all’edizione
    che include:

    • progettazione della struttura e dei contenuti e/o la compilazione dei codici informatici necessari per la creazione e implementazione di: software di sistema (inclusi gli aggiornamenti), applicazione di software (inclusi gli aggiornamenti), database, pagine web
    • personalizzazione di software, esempio modificando e configurando un’applicazione esistente in modo che essa sia funzionale all’ambiente del sistema informativo dei clienti

Tale Codice Ateco richiede l’iscrizione in Camera di Commercio con il conseguente versamento dei contributi alla Gestione Artigiani e commercianti.

Se, al contrario, lei crea il portale web ma guadagna una percentuale dalla vendita dei prodotti artigianali da terzi oppure percepisce ricavi da coloro i quali appaiono sul portale, dovrà adottare il seguente Codice Ateco:

  • 73.11.02 – Conduzione di campagne di marketing e altri servizi pubblicitari
    che include:

    • conduzione di campagne pubblicitarie: collocazione di pubblicità in giornali, periodici, radio, televisioni, internet ed altri mezzi di comunicazione
    • conduzione di campagne di marketing ed altri servizi pubblicitari mirati ad attirare e ad assicurare la fedeltà dei clienti
    • promozione dei prodotti
    • realizzazione di pubblicità aerea
    • distribuzione o consegna di materiale pubblicitario o di campioni
    • consulenza sulla disposizione dei prodotti all’interno del punto vendita
    • realizzazione di pubblicità postale

Per questa attività, dovrà iscriversi in camera di Commercio.

Per l’attività di marketing e pubblicità, potrà adottare sempre il suddetto Codice Ateco.

Infine, per l’attività di consulenza informatica, il Codice Ateco corretto è il:

  • 62.02.00 – Consulenza nel settore delle tecnologie dell’informatica
    che include:

    • consulenza su hardware, software e altre tecnologie dell’informazione: analisi dei bisogni e dei problemi degli utenti, consulenza sulla migliore soluzione
    • pianificazione e progettazione di sistemi informatici che integrano l’hardware dei computer, il software e le tecnologie della comunicazione

Dovendosi lei iscrivere in camera di Commercio, tutte le attività sarà qui attratte e pertanto lei non sarà soggetta ad una doppia contribuzione ma verserà i contributi unicamente alla Gestione Artigiani e Commercianti Inps, in base all’attività prevalente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

ARTICOLI SIMILI