regime forfettarioQuale contabilità scegliere

Iscriviti gratis e ricevi subito assistenza fiscale gratuita

regime forfettario

Quale contabilità scegliere quando si apre Partita Iva

Se stai valutando la possibilità di aprire una Partita Iva, il primo aspetto che dovrai valutare è rappresentato da quale contabilità scegliere per la gestione della tua attività professionale.

Con il termine “contabilità” o più precisamente “Regime contabile” si fa riferimento all’insieme delle formalità che un contribuente deve rispettare (scritture contabili obbligatorie, modalità di calcolo del reddito dell’esercizio e compilazione della dichiarazione dei redditi).

Per valutare quale contabilità potrai adottare per la tua attività con Partita Iva dovrai prendere in considerazione alcuni aspetti:

  • La dimensione ed il volume di affari della tua attività;
  • La forma giuridica della tua impresa;
  • La possibilità di usufruire di eventuali agevolazioni.

Quale contabilità è possibile scegliere in Italia

All’interno di questo paragrafo andremo ad analizzare i diversi Regimi fiscali previsti in Italia e le caratteristiche principali di ciascuno riguardanti gli adempimenti contabili obbligatori.

Guida Facile al Regime Forfettario

Iscriviti alla piattaforma FlexTax e ricevi gratis il libro
Scarica gratis ora

Contabilità ordinaria

La cosiddetta “contabilità ordinaria” rappresenta il Regime contabile più complesso previsto all’interno del nostro sistema fiscale ed amministrativo.

Soggetti obbligati

Questa tipologia di Regime contabile risulta obbligatorio per i seguenti soggetti:

  • Società di capitali, società cooperative e mutue assicuratrici;
  • Enti pubblici e privati che hanno per oggetto esclusivo o principale l’esercizio di attività commerciali;
  • Stabili organizzazioni di società ed enti non residenti;
  • Associazioni non riconosciute e consorzi che hanno per oggetto esclusivo principale l’esercizio di attività commerciali.

Inoltre, il Regime contabile ordinario risulterà obbligatorio anche per:

  • Persone fisiche che esercitano attività commerciali;
  • Società di persone;
  • Enti non commerciali che esercitano anche un’attività commerciale in misura non prevalente.

Nel caso in cui questi superino un determinato ammontare di ricavi appositamente stabilito dalla legge (400.000 euro per le attività che prestano servizi e 700.000 euro per le altre attività), bisognerà adottare il Regime Ordinario.

Scritture contabili obbligatorie

I soggetti che rientrano in contabilità ordinaria dovranno redigere e conservare i seguenti documenti contabili:

  • Libro giornale;
  • Libro inventari;
  • Registro delle fatture emesse;
  • Registro degli acquisti;
  • Registro dei corrispettivi;
  • Registro dei cespiti ammortizzabili.

Contabilità semplificata

Soggetti che possono adottarla

La contabilità semplificata (ovvero la contabilità ordinata tenuta nei modi semplificati) risulta essere meno onerosa e meno complessa rispetto alla contabilità ordinaria.

Il Regime di contabilità semplificata può essere utilizzato da una molteplicità di imprese che risultano essere di dimensione minore rispetto a quelle che sono obbligate a adottare la contabilità ordinaria.

Pertanto, tale tipologia di contabilità può essere adottata dalle seguenti categorie di soggetti:

  • Persone fisiche che esercitano attività commerciali in forma di ditta individuale (che non hanno i requisiti per accedere al Regime forfettario o non vogliono aderirvi);
  • Società di persone;
  • Enti non commerciali che esercitano un’attività commerciale in via non prevalente.

Tale contabilità potrà essere adottata nel caso in cui tali soggetti non superino i limiti di ricavi, menzionati in precedenza e appositamente previsti dalla legge (400.000 euro per le attività che prestano servizi e 700.000 euro per le altre attività).

Scritture contabili obbligatorie

Per i soggetti che rientrano in contabilità semplificata, le scritture contabili da dover obbligatoriamente conservare risultano essere meno numerose.

Se adotti la contabilità semplificata, dovrai conservare solamente i seguenti documenti contabili:

  • Registro delle fatture emesse;
  • Registro degli acquisti;
  • Registro dei corrispettivi;
  • Registro dei cespiti ammortizzabili.

Quindi, se hai la possibilità di adottare la contabilità semplificata, sarai esonerato dalla tenuta del libro giornale e dalla redazione del bilancio di esercizio.

Contabilità forfettaria

L’ultima tipologia di contabilità applicabile è la contabilità forfettaria, la quale è riservata a tutte le Partite Iva che rispettano i requisiti per poter rientrare nel Regime forfettario.

Se nell’esercizio della tua attività con Partita Iva usufruisci del Regime forfettario, ti saranno garantiti importanti agevolazioni contabili rispetto alle altre due tipologie di contabilità esaminate in questo articolo.

In particolare, dovrai tenere una contabilità ancora più agevolata rispetto alla contabilità semplificata, in quanto:

  • Sei esonerato dall’obbligo di fatturazione elettronica (obbligo previsto per i soggetti che adottano la contabilità ordinaria o semplificata);
  • Sei esonerato dall’applicazione dell’Iva in fattura, quindi non dovrai presentare alcuna dichiarazione riguardante l’Iva;
  • Sarai esonerato dall’applicazione della ritenuta d’acconto;
  • Non dovrai registrare le fatture e i corrispettivi.

Quale contabilità scegliere: Conclusioni

Dopo aver analizzato i differenti adempimenti contabili obbligatori per le diverse tipologie di contabilità, ti sarai accorto che la contabilità forfettaria è quella che presenta meno adempimenti e che quindi risulta più vantaggiosa, almeno sulla carta.

Però, non tutti i soggetti potranno utilizzare tale tipologia di contabilità.

Qualora non rispetti i requisiti per poter adottare la contabilità forfettaria, dovrai verificare il rispetto dei requisiti per adottare la contabilità semplificata, accedendo così ad una contabilità comunque meno complessa ed onerosa di quella ordinaria.

Nel caso in cui tu non abbia nemmeno i requisiti per poter avvalerti della contabilità semplificata, dovrai obbligatoriamente adottare la contabilità ordinaria, che risulta essere quella più complessa ed onerosa.

Se vuoi ricevere informazioni particolari riguardanti il Regime forfettario, i nostri esperti sono a tua disposizione per rispondere gratuitamente alle tue domande tramite ticket.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Adv

Gestire la contabilità
può essere stressante

Ti aiutiamo a rendere tutto più facile
Fai il primo passo