Quale codice Ateco scegliere per perito industriale? - Flextax.it

Quale codice Ateco scegliere per perito industriale?

La scelta del codice Ateco per l’attività di perito industriale

Quale codice Ateco scegliere per perito industriale?

Se desideri svolgere l’attività di perito industriale in Partita Iva, oltre a scegliere il Regime fiscale, dovrai scegliere il codice Ateco adatto per l’attività di perito industriale.

Ma cos’è il codice Ateco? Il codice Ateco è una sequenza di numeri che identifica l’attività che andrai a svolgere in partita Iva ed è proprio per questa ragione che bisogna sceglierlo con grande attenzione.

Se rispetterai tutti i requisiti per poter adottare il Regime forfettario, la scelta del codice Ateco risulterà ancora più importante in quanto, oltre a definire l’attività che svolgerai in Partita Iva, sarà il punto di partenza per il calcolo dell’imposta sostitutiva e dei contributi previdenziali che dovrai versare.

Ad ogni codice Ateco infatti è associato un coefficiente di redditività ovvero una percentuale che dovrai applicare ai tuoi ricavi conseguiti (dove con “ricavi” si fa riferimento all’importo effettivamente incassato) per ottenere il reddito imponibile ovvero la base su cui verranno calcolati, come abbiamo anticipato poco fa, l’imposta sostitutiva e i contributi previdenziali che dovrai versare.

Se sei in possesso dell’abilitazione per poter svolgere la professione di perito industriale e sei iscritto all’albo dei periti industriali, il codice Ateco adatto per l’attività di perito industriale è il seguente:

Ricevi gratuitamente la tua prima chiamata di assistenza

Attiva ora il tuo account gratuito

  • 74.90.91 – “Attività tecniche svolte da periti industriali”

Il coefficiente di redditività associato a tale codice Ateco è del 78%.

Dunque cosa significa che il coefficiente di redditività associato al tuo codice Ateco è del 78%?

Significa che il 78% dei tuoi ricavi saranno soggetti ad imposta e contributi, il restante 22% invece ti verrà riconosciuto come “spesa forfettaria“.

Il Regime forfettario, infatti, non prevede la possibilità di detrarre/dedurre nessuna reale voce di spesa sostenuta; grazie al coefficiente di redditività che determina la percentuale dei ricavi soggetta ad imposta e contributi, si ottiene la percentuale che viene riconosciuta come “spesa forfettaria” all’interno del quale confluiscono forfettariamente le spese sostenute per l’esercizio dell’attività in Partita Iva.

Se vuoi chiarire qualche dubbio crea subito il tuo account gratuito su FlexSuite e contattaci gratuitamente attraverso la piattaforma!

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (1 votes, average: 5,00 out of 5)
Loading...
Alessandra di FlexTax

Alessandra di FlexTax

Ti è stato utile questo articolo? Condividilo!

Facebook
Twitter
LinkedIn
WhatsApp
Telegram
Email

Articoli suggeriti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Fatture Elettroniche
#NoProblem
50€ di sconto sui servizi
+ 1000 fatture elettroniche
Ricevi gratuitamente la tua prima chiamata di assistenza
Crea il tuo
Account Gratuito

Facebook

Le recensioni dei nostri utenti

FlexTax Guide

Ti aiutiamo a gestire la tua Partita Iva

Carrello
Prodotto non più disponibile, il carrello è vuoto.
Continua a fare acquisti
0
Torna su

Parla gratis con un nostro esperto

Parla gratis con un nostro esperto

Iscriviti gratis

Inizia a usare FlexTax

Scopri i vantaggi dell'innovativa piattaforma per Partite Iva.

Accesso Freemium

Registrati e accedi gratuitamente a servizi e strumenti di FlexTax

Accesso Plus

Se decidi di affidare la tua contabilità ai consulenti di FlexTax

E-Service

L’ E-commerce di servizi e strumenti per la gestione contabile e l’amministrazione aziendale.

Chi siamo


Esperti contabili, consulenti del lavoro, avvocati e un’azienda di innovazione digitale uniti per aiutare le imprese nella gestione della Partita Iva.