Codice Ateco per parrucchiere

Per poter intraprendere una carriera lavorativa da parrucchiere dovrai innanzitutto procedere con l’apertura di una partita IVA.

Per l’apertura della tua partita IVA ti verrà richiesto di indicare il codice Ateco previsto per la tua professione.

Il codice Ateco per l’attività di parrucchiere è il 96.02.01, come vedremo nel prossimo paragrafo.

Codice Ateco e coefficiente di redditività

Il codice Ateco individuato dall’Istat e che identifica la professione di parrucchiere è il seguente:

96.02.01  Servizi dei saloni di barbiere e parrucchiere.

Che comprende attività di:

  • servizi di barbiere, parrucchiere.
  • attività di lavatura, taglio, messa in piega, tintura, ondulatura, lisciatura e simili trattamenti dei capelli per uomini e donne.

Commercialista online

Regime forfettario per parrucchieri

Il Regime forfettario è un particolare Regime che prevede specifiche condizioni di accesso ed è caratterizzato dal pagamento di un’unica imposta sostitutiva che, appunto, sostituisce tutte le altre imposte solitamente pagate negli altri Regimi fiscali.

L’Imposta Sostitutiva che dovrai versare avrà un valore percentuale del 5% o del 15% .

Per poterti avvalere del calcolo dell’ imposta sostitutiva al 5% dovrai rispettare una serie di requisiti che vengono richiesti per legge.

La Disciplina del Regime forfettario, prevede inoltre che il calcolo del reddito imponibile avvenga attraverso il coefficiente di redditività, ovvero una percentuale che individua quale parte dei ricavi formano il reddito e quale parte viene considerata la spesa forfettaria.

Il coefficiente di redditività per il codice Ateco 96.02.01 è del 67%.

Codice Ateco per parrucchieri: INPS

L’attività di parrucchiere è soggetta ad obbligatoria iscrizione in Camera di Commercio e prevede l’iscrizione nella sezione Artigiani.

Conseguentemente, per tale attività, sarai tenuto a versare i contributi alla Gestione Artigiani Inps.

Tale Gestione prevede il pagamento di due tipologie di contributi:

  • Contributi fissi sul minimale:  i quali sono sempre dovuti, anche se non hai conseguito alcun ricavo nel tuo anno lavorativo. Per il 2019 ammontano a 3.818,16€.
  • Contributi eccedenti il minimale: sono dovuti nel  momento in cui si supera il reddito minimale previsto, del valore di 15.878€ (per il 2019). Vengono calcolati applicando un valore percentuale del 24% sulla parte eccedente il reddito minimale.

Se applichi il Regime forfettario puoi richiedere la riduzione del 35% sui contributi INPS che dovrai versare.

Esempio concreto

Di seguito proporremo un esempio di calcolo dell’imposta sostitutiva e dei contributi previsti dall’Inps per un parrucchiere che adotta il Regime forfettario.

Ricavi: 25.200€

Coefficiente di redditività: 67%

Reddito imponibile: 16.884€ (25.200€ x 67%)

Imposta Sostitutiva: 2.532,6€ (16.884€ x 15%)

Contributi fissi Inps: 3.818,16€

Contributi eccedenti il minimale: 241,44€ (16.884 – 15.878 = 1.006€ x 24%) *

*i contributi eccedenti il minimale non dovranno essere versati, e quindi nemmeno calcolati se non si supera il reddito di 15.878€. 

NB: nel calcolo di questo esempio, per motivi di semplicità, non abbiamo dedotto per il calcolo dell’imposta sostitutiva gli eventuali contributi obbligatori versati durante l’anno.

Se hai bisogno di ulteriori informazioni riguardanti il Regime forfettario o la Flat Tax 2020, puoi richiedere assistenza ai nostri esperti.

Quanto è stato utile questo articolo? Vota. 

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle (6 voti, media: 5,00 su 5)
Loading...

Risposta alle domande più frequenti sul Regime forfettario:

Regime forfettario quando conviene?

Flat Tax artigiani

Esempi di fattura in Regime Forfettario

Regime forfettario Artigiani

Scadenze fiscali 2019 Artigiani e Commercianti nel Forfettario