Domande e Risposte

Qual è il codice ateco per lavorare come attrice?

Quale codice ateco devo scegliere per lavorare come attrice?

Quale codice Ateco devo scegliere per lavorare come attrice?

Per l’attività di attrice potrà adottare il seguente codice Ateco:

  • 90.01.01 – Attività nel campo della recitazione

che include:

– rappresentazioni di spettacoli teatrali dal vivo, attività di artisti individuali quali attori
– artisti del teatro di figura (marionette, burattini, pupazzi eccetera)

Dalla sottocategoria 90.01.01 sono escluse:
– gestione di teatrini mobili di burattini (marionette), cfr. 93.21.02

A tutti i codici Ateco di cui sopra è associato un coefficiente di redditività del 67%.

Iscriviti alla piattaforma FlexTax e ricevi gratis il libro
Scarica gratis ora

Se adotterà il forfettario, verserà l’imposta sostitutiva al 15% o al 5% per i primi 5 anni di attività, se rispetterà i tre requisiti previsti:

Imposta sostitutiva 5%.

Potrà inquadrarsi come libero professionista:

  • se lavorerà con privati verserà i contributi alla Gestione Separata Inps al 26,07%
  • se lavorerà con soggetti dello spettacolo verserà i contributi all’Ex-Enpals

Per quanto riguarda la gestione dei contributi Enpals, le indichiamo che per prima cosa dovrà valutare, con i clienti, se si occuperanno loro di agibilità ed Enpals e se dunque si occuperanno loro di versare per conto suo l’Enpals: in questo caso, lei deve inserire in fattura la ritenuta del 9,19%, che il suo cliente provvederà a versare aggiungendo il 23,81% a carico dell’azienda stessa. Il totale si verserà all’Enpals per il 33% della prestazione.

Al contrario, se è lei in prima persona ad occuparsi di agibilità e versare l’Enpals, dovrà applicare in fattura una rivalsa del 23,81%, così che l’azienda le riconosca la parte contributiva a carico dell’azienda stessa. Poi dovrà versare all’Enpals i contributi, aggiungendo al 23,81% del suo cliente il 9,19% a suo carico, per un totale anche in questo caso del 33% della prestazione.

L’Enpals, una volta era un ente privato, che ad oggi è stato assorbito dall’Inps: si chiama infatti ex-Enpals.

Anche se è una sezione interna all’Inps, l’Enpals ha una disciplina propria ed è differente dalla Gestione Separata; infatti, la Gestione Separata prevede un’aliquota del 26,07% che si versa in Dichiarazione dei redditi, mentre l’Enpals prevede un’apertura della posizione (agibilità) ed il versamento dei contributi appena terminata la prestazione, e non in Dichiarazione stessa. Dunque, per ulteriori chiarimenti in merito di contribuzione Enpals, le consigliamo di rivolgersi direttamente all’Ex-Enpals stessa: non gestendo casse previdenziali specifiche, per ulteriori informazioni le consigliamo di contattare direttamente l’Ex-Enpals.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

ARTICOLI SIMILI