Proroga versamenti Dichiarazione 2021 ed esonero contributi

Data ultimo aggiornamento: 29/07/2021

Proroga versamenti dichiarazione 2021 ed esonero contributi

Il 28 giugno 2021, con il comunicato n. 133 del Ministero dell’Economia e delle Finanze, è stata prorogata la scadenza dei versamenti della Dichiarazione dei Redditi del 30 giugno al 20 luglio 2021.

Successivamente, con la conversione in Legge del Decreto Sostegni-Bis è stata disciplinata una nuova proroga al 15 settembre per i versamenti della Dichiarazione dei Redditi.

Potrai quindi effettuare i versamenti derivanti dalla compilazione della Dichiarazione dei Redditi in scadenza originale al 30 giugno e poi prorogati al 20 luglio entro il 15 settembre 2021 senza alcuna maggiorazione o applicazione di interessi. Evidenziamo che la proroga intessa anche i soggetti che applicano il Regime forfettario.

Se sei iscritto alla Gestione Separata Inps o alla Gestione Artigiani e Commercianti Inps, tra i versamenti della Dichiarazione potrebbero essere presenti contributi dovuti per l’acconto anno 2021, per questo motivo nel prossimo paragrafo ti forniremo le informazioni ad presenti sull’esonero contributivo 2021.

Esonero contributivo per l’anno 2021

Un altro importante argomento è quello relativo all’esonero contributivo per l’anno 2021 di cui si è tanto discusso ma ancora ad oggi non sono presenti i Provvedimenti attuativi ufficiali. Tale argomento è molto importante in quanto, per coloro iscritti alla Gestione Artigiani e Commercianti Inps o alla Gestione Separata Inps, riguarda anche i versamenti degli acconti contributivi 2021 che si pagano con le scadenze (prorogate) della Dichiarazione dei Redditi.

Ricevi assistenza
fiscale Gratuita
Attiva gratis il tuo account
Consulenza fiscale, fatture e simulatori di imposte

Riceverai una password provvisoria via Sms

Attenzione: se hai già versato l’acconto dei contributi 2021, non preoccuparti dovesse poi risultare che hai diritto all’esonero contributivo sarà prevista una forma di restituzione del contributo versato in eccesso.

L’Inps con il messaggio n. 2418 conferma il differimento del versamento degli acconti dei contributi Inps 2021, proprio perché non esiste ancora il provvedimento attuativo per la richiesta dell’esonero.

Attenzione: dal contenuto del messaggio il differimento (a data ancora sconosciuta) del versamento del 1° acconto Inps 2021 è generalizzato, quindi è per tutti i soggetti che debbano effettuare tale versamento, indipendentemente dal rispetto delle condizioni richieste per fruire dell’esonero.

Di seguito ti forniamo le informazioni ad oggi presenti sull’esonero contributivo, sperando che al più presto vengano pubblicate tutte le notizie necessarie per darvi aggiornamenti precisi.

Beneficiari esonero contributivo 2021

  • iscritti alla Gestione Artigiani e commercianti Inps
  • iscritti alla Gestione Separata Inps
  • professionisti iscritti alle forme obbligatorie di previdenza (Inarcassa, Cipag, Enpam, ecc.)

Contributi oggetto dell’esonero

I contributi dovuti per l’anno 2021 entro il 31 dicembre 2021, non sono quindi inclusi eventuali saldi contributivi 2020.

Per i professionisti iscritti alle Casse di previdenza obbligatorie (Inarcassa, Cipag, Enpam, ecc.) l’esonero non riguarda i contributi integrativi.

Importo dell’esonero contributivo 2021

Importo massimo di € 3.000 per ciascun beneficiario ma è importante specificare che tale importo potrà essere oggetto di variazione nel caso in cui le risorse poste in essere per tale misura non fossero sufficienti a sostenere tutte le domande presentate dai contribuenti.

Condizioni accesso esonero contributivo 2021

  • aver percepito nel periodo d’imposta 2019 un reddito complessivo non superiore a 50.000 euro
  • aver subito un calo del fatturato o dei corrispettivi nell’anno 2020 non inferiore al 33% rispetto a quelli dell’anno 2019
  • essere in regola con i versamenti dei contributi obbligatori (ancora sono presenti differenti dubbi sull’interpretazione di tale condizione)
  • non percepire pensione o avere reddito di lavoro dipendente

Attenzione: I soggetti che hanno aperto la Partita Iva dal 1° gennaio 2020 non devono rispettare le condizioni 1 (sul reddito complessivo) e 2 (sul calo del fatturato).

Presentazione istanza

La scadenza per la presentazione della domanda era inizialmente prevista per il 31 luglio 2021 ma dato che è ancora mancante la circolare dell’Inps con le specifiche disposizioni per la presentazione della domanda di richiesta dell’esonero, con il Messaggio n° 2761 del 29-07-2021 l’Inps ha comunicato la proroga alla presentazione dell’istanza al 30 settembre 2021.

Inoltre nel messaggio viene indicato che tutti i dettagli verranno forniti nella circolare di prossima pubblicazione da parte dell’Inps. Non appena ci saranno aggiornamenti aggiorneremo l’articolo.

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (4 votes, average: 4,25 out of 5)
Loading...
Anna di FlexTax

Anna di FlexTax

Ti è stato utile questo articolo? Condividilo!

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram

Articoli suggeriti

Lascia un commento

Ogni giorno professionisti e aziende di tutta Italia usano i servizi e gli strumenti gratuiti di FlexTax
Crea il tuo
Account Gratuito

FlexTax Guide

Ti aiutiamo a gestire la tua Partita Iva