Aprire Partita Iva per informatici

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram

Informatici aprire Partita Iva

In un mondo caratterizzato sempre più dalla trasmissione di dati digitali, dalle connessioni ultra veloci e dallo sviluppo di infrastrutture informatiche, molti soggetti decidono di trasformare la propria passione per la digitalizzazione e per l’informatica in un lavoro che possa essere redditizio.

Difatti, negli ultimi anni è in crescita il numero di persone che decidono di mettersi in proprio per diventare professionisti o artigiani, aprendo Partita Iva per informatici.

Questa tendenza è dovuta dal fatto che l’ambito informatico e delle nuove tecnologie sta interessando un numero sempre maggiore di attività economiche.

Aprire Partita Iva per informatici Regime Forfettario o Semplificato: le differenze

Hai deciso di aprire Partita Iva ed ora ti ritrovi di fronte ad una scelta fondamentale: adotto il Regime forfettario o quello semplificato?

Innanzitutto, devi considerare che entrambi i Regimi possiedono diversi limiti di accesso:

  • Nel Regime semplificato, invece, i tuoi ricavi non devono superare i 400.000 euro se vendi servizi, oppure i 700.000 se svolgi un’altro tipo di attività.

Inoltre, il Forfettario esclude anche chi non rispetta ulteriori requisiti.

Quali sono le differenze più importanti tra i due Regimi?

Per cominciare, se adotti il Forfettario il tuo reddito sarà soggetto ad un’unica imposta sostitutiva del 15% (o del 5% in presenza di specifiche caratteristiche che vedremo nei prossimi paragrafi), mentre in Semplificato le aliquote Irpef vanno dal 23% al 43% in base alla tua fascia di reddito e sarai tenuto al pagamento anche delle addizionali.

È diverso anche il metodo per calcolare il reddito su cui calcolare l’imposta:

Quest’ultimo ha un valore percentuale ed è diverso per ogni attività.

Lo si applica ai ricavi ottenendo così il reddito imponibile lordo.

Deducendo (sottraendo) i contributi previdenziali obbligatori versati nell’anno di riferimento si trova il reddito imponibile netto.

Su questo poi si applica l’aliquota del 15% (o del 5%) per determinare l’imposta dovuta all’Agenzia delle Entrate.

Ti invitiamo a visitare il nostro articolo relativo al calcolo dell’imposta in Regime forfettario.

  • Nel Regime semplificato, invece, vengono utilizzati i modi analitici (ordinari).

Ai ricavi dell’esercizio precedente vanno semplicemente sottratti i costi sostenuti.

In questo modo si ottiene il reddito imponibile lordo.

Si applicano le eventuali deduzioni, giungendo al reddito imponibile netto.

È su questo che verrà applicata l’aliquota di imposta associata alla fascia di reddito in cui si rientra.

All’imposta dovuta potrai poi applicare eventuali detrazioni, che abbasseranno l’imposta da versare.

Esistono ulteriori differenze tra i due Regimi.

Infatti, nel Forfettario:

In compenso, avrà l’obbligo di assolvere l’imposta di bollo di 2 euro per ogni fattura con un importo superiore a 77,47 euro.

Il titolare di Partita Iva in forfettario, di conseguenza, non sarà tenuto al versamento dell’Iva ed alla dichiarazione Iva annuale.

Rimangono comunque in vigore alcuni adempimenti ai fini Iva in Regime forfettario.

  • Non c’è l’obbligo di invio dello Spesometro.
  • Non sei costretto ad utilizzare la fatturazione elettronica.

Le semplificazioni e i vantaggi offerti dal Regime forfettario sono sicuramente allettanti, ma non sempre aderire al Forfettario è l’opzione più conveniente e adesso scopriremo insieme il perché.

Devi considerare che accedendo al Regime forfettario perdi la possibilità di dedurre o detrarre tutte le tipologie di spese.

Quindi se hai ingenti spese sanitarie, per ristrutturazioni, per l’asilo dei tuoi figli, probabilmente non sarà vantaggioso adottare il Forfettario.

Inoltre, se per la tua attività è previsto un coefficiente di redditività alto, è possibile che ti convenga determinare il tuo reddito nei modi ordinari (quelli del Regime semplificato, ossia ricavi meno costi) se hai
sostenuto tante spese.

Esempio:

Ricavi: € 40.000

Costi: € 20.000

Coefficiente di redditività: 67%

Se adottassi il Forfettario il tuo reddito imponibile sarebbe pari a € 26.800 (40.000 x 67%).

Se, invece, scegliessi il Semplificato il reddito imponibile sarebbe di € 20.000 (40.000 – 20.000).

In questo caso dovrai valutare se nonostante le spese forfettarie che ti verrebbero riconosciute sono minori di quelle che hai realmente sostenuto, il Regime forfettario sia comunque conveniente per la tua attività grazie all’aliquota più bassa di imposta.

Tasse al 5% per le nuove Partite Iva in regime forfettario. Puoi accedere?

L’aliquota ridotta al 5% (per 5 anni) è riservata alle “attività nuove”, al fine di incentivare la loro nascita.

Devi però rispettare alcuni limiti:

  • Non puoi aver svolto, nei tre anni precedenti all’apertura della Partita Iva, attività d’impresa anche
    in forma associata o familiare;
  • L’attività della nuova Partita Iva non può essere una mera prosecuzione di un’attività svolta in
    passato, anche se come lavoratore dipendente o impresa familiare;
  • Se rilevi un’attività già avviata, devi verificare che nell’anno precedente questa rispettasse i limiti
    per poter rientrare nel Forfettario.

Puoi approfondire l’argomento relativo all’aliquota ridotta al 5% visitando questo articolo.

Tasse da pagare nell’anno per una Partita Iva di informatici

Se con la tua Partita Iva da informatico hai deciso di adottare il Regime forfettario, devi sapere che sarai obbligato al versamento:

  • dell’imposta sostitutiva con aliquota pari al 15% (o al 5%), come abbiamo visto in precedenza;
  • dei contributi previdenziali obbligatori.

Mentre il calcolo dell’imposta sostitutiva è uguale per qualsiasi contribuente in Forfettario, il calcolo dei contributi per informatici varia a seconda che tu sia Artigiano o Professionista.

Costi per l’apertura di una Partita Iva per informatici in Forfettario

Puoi aprire la Partita Iva da informatico, configurandoti:

  • come Libero Professionista, se effettui attività di consulenza;
  • oppure come Artigiano, se sei ad esempio uno sviluppatore o un programmatore.

Aprire Partita Iva come libero professionista

Se desideri aprire la tua Partita Iva per informatico e hai deciso di adottare il Regime forfettario, il nostro servizio più adatto a te è:

Gestione contabilità 2019 + Apertura Partita IVA Professionisti, che include:

  • apertura della Partita Iva;
  • iscrizione Inps;
  • tenuta della contabilità e degli adempimenti fiscali;
  • verifica immediata delle tasse da pagare e dei relativi importi;
  • dichiarazione dei redditi da forfettario;
  • assistenza pagamento tasse;
  • consulenza gratuita;
  • compilazione F24 per imposta/inps;
  • accesso all’area riservata per upload/download documenti;

Aprire Partita Iva come Artigiano

Se sei Artigiano, invece, il servizio per te è:

Gestione contabilità 2019 + Apertura Partita Iva Commercianti ed Artigiani, che comprende:

  • apertura Partita Iva, iscrizione Inps e/o Inail
  • imposta di bollo e diritti di segreteria
  • pratiche registro imprese
  • iscrizione alla camera di commercio
  • tenuta della contabilità e degli adempimenti fiscali
  • verifica immediata delle tasse da pagare e dei relativi importi
  • dichiarazione dei redditi da forfettario
  • assistenza pagamento tasse, consulenza gratuita
  • compilazione modelli F24 per imposte/inps
  • accesso all’area riservata per upload/download documenti

NB: l’abbonamento non include la S.C.I.A (Segnalazione Certificata di Inizio Attività) da richiedere al proprio Comune. Riceverai comunque informazioni e delucidazioni in merito a questo.

Inoltre, ogni anno andrà pagato anche il diritto camerale che varia a seconda della Camera di Commercio e dell’attività esercitata.

Costi commercialista informatico

Se hai già aperto Partita Iva e sei interessato unicamente alla gestione della contabilità, Flex Tax mette a tua disposizione il servizio Gestione contabilità 2019, che comprende:

  • Dichiarazione dei redditi 2019
  • Consulente Dedicato
  • Assistenza gratuita via Ticket e Telefono
  • Tenuta contabilità e adempimenti fiscali
  • Compilazione F24
  • Accesso all’area personale
  • Area upload/download documenti
  • Accesso alle nuove funzionalità e servizi del portale in attivazione nel 2019
  • Altri servizi e strumenti in lancio

Se hai bisogno di ulteriori informazioni riguardanti il Regime forfettario o la Flat Tax, puoi richiedere assistenza ai nostri esperti.

Quanto è stato utile questo articolo? Vota. 

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (1 votes, average: 5,00 out of 5)
Loading...

 

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (1 votes, average: 5,00 out of 5)
Loading...

Ti è stato utile questo articolo? Dillo in giro!

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram

Lascia un commento

flexsupport_white

Ti aiutiamo a gestire la tua Partita Iva

Chiudi il menu
×

Carrello

Inizia a usare Flex Tax

Scopri i vantaggi dell'innovativa piattaforma per Partite Iva.

Gestione contabile

Consulente dedicato, adempimenti contabili e fiscali.

Apertura Partita Iva

Apertura Partita Iva, consulente dedicato, adempimenti fiscali e contabili.

Consulente Fiscale

Hai domande sul Regime Forfettario e Semplificato? I nostri consulenti rispondono

Calcolo Tasse

Per sapere in anticipo quante tasse dovrai pagare, usa il nostro simulatore per il Regime Forfettario.

E-Service

L’ E-commerce di servizi e strumenti per la gestione contabile e l’amministrazione aziendale.

Chi siamo


Esperti contabili, consulenti del lavoro, avvocati e un’azienda di innovazione digitale uniti per aiutare le imprese nella gestione della Partita Iva.