Partita Iva per artigiani

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram

Apertura Partita Iva per artigiani

Il primo passaggio che dovrai compiere per poter svolgere regolarmente un’attività artigianale è rappresentato dall’apertura della Partita Iva per artigiani, con conseguente iscrizione alla Camera di Commercio.

L’iscrizione alla Camera di Commercio comporta alcuni costi derivanti da bolli e diritti vari legati alla pratica.

La procedura di apertura della nuova Partita Iva per artigiani deve essere fatta tramite “Comunicazione Unica”.

L’apertura della Partita Iva per artigiani, quindi, non risulta gratuita e veloce come l’apertura della Partita Iva di un libero professionista.

Se deciderai di acquistare il nostro servizio Gestione della contabilità 2019 + Apertura Partita Iva Artigiani e Commercianti, ti verrà assegnato un professionista che effettuerà in prima persona tutta la procedura di apertura della tua Partita Iva per artigiani.

Oltre ad occuparsi della procedura di apertura della Partita Iva, il professionista a te assegnato si occuperà anche della gestione della contabilità della tua attività artigianale e ti fornirà assistenza costante per tutto il 2019.

La procedura di apertura di una nuova Partita Iva per artigiani prevede anche l’eventuale richiesta della S.C.I.A. (Segnalazione Certificata di Inizio Attività), la quale, però, non è compresa all’interno del servizio appena citato, dovrai quindi presentare in prima persona tale dichiarazione presso il tuo comune.

Vantaggi Regime forfettario per artigiani

Sono sempre più numerose le persone che decidono di aprire Partita Iva per artigiani avvalendosi del Regime forfettario.

Aprire la propria Partita Iva usufruendo di questo particolare Regime fiscale ti garantirà una serie di vantaggi durante lo svolgimento della tua attività artigianale.

Se rispetti tutti i limiti previsti dalla Normativa sul Regime forfettario, potrai aprire Partita Iva per artigiani e godere di molti vantaggi durante la gestione della tua attività artigianale.

Se rientri nel Regime forfettario, infatti:

  • Sei esonerato dall’obbligo di fatturazione elettronica;
  • Sei esonerato dall’applicazione dell’Iva all’interno delle fatture che emetti;
  • Sei esonerato dall’applicazione della ritenuta d’acconto in fattura;
  • Sei esonerato dalla registrazione di fatture e corrispettivi;
  • Sei soggetto all’imposta sostitutiva, la quale prevede normalmente un’aliquota pari al 15%, ma se rispetti determinati requisiti potrai applicare un’aliquota di imposta sostitutiva agevolata pari al 5%.

Oltre a questi importanti vantaggi, se rientri nel Regime forfettario e allo stesso tempo la tua attività è soggetta all’obbligo di iscrizione presso la Gestione Artigiani e Commercianti, potrai usufruire di un altro importantissimo vantaggio, ovvero, potrai richiedere la riduzione del 35% dei contributi che dovrai versare.

Questa riduzione dei contributi dovrà essere calcolata sul totale dei contributi dovuti (sia la parte fissa che percentuale) e non ti sarà applicata automaticamente, ma dovrai richiederla tramite la compilazione di un apposito modulo di richiesta.

Partita Iva per artigiani: esempio di tassazione

Di seguito andremo a fare un esempio pratico per permetterti di capire il meccanismo di tassazione all’interno del Regime forfettario nel caso in cui tu sia in possesso di una Partita Iva per artigiani.

Esempio

Ipotizziamo di analizzare l’attività di un parrucchiere, che non accede né alla riduzione al 5% dell’imposta sostitutiva, né alla riduzione del 35% dei contributi Inps da versare.

Inizio attività01/01/2019
Ricavi anno 2019€ 27.000
Coefficiente di redditività67%
Imposta sostitutiva15%
Contribuzioneartigiana senza riduzione del 35%


Imposta sostitutiva dovuta per l’attività 2019

Ricavi 2019€ 27.000
Coefficiente di redditività67%
Reddito imponibile lordo€ 18.090
Contributi Inps deducibili pagati nel 2019*€ 2.000
Imponibile netto per calcolo imposta sostitutiva€ 16.090
Imposta sostitutiva al 15%€ 2.413,50

*Ipotizziamo che il soggetto considerato nell’esempio abbia versato durante il 2019, 2.000 euro di contributi.

Contributi Inps 2019

Incassi 2019€ 27.000
Coefficiente di redditività67%
Reddito imponibile per calcolo Inps€ 18.090
Minimale previsto dall’Inps€ 15.878
Contributi fissi sul minimale€ 3.818,16
Reddito eccedente il minimale€ 2.212
Contributi Inps eccedente il minimale€ 530,88 (€ 2.212 X 24%)

Se hai bisogno di particolari informazioni riguardanti il Regime forfettario, i nostri esperti sono a tua disposizione.

Quanto è stato utile questo articolo? Vota. 

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (1 votes, average: 5,00 out of 5)
Loading...

 

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (1 votes, average: 5,00 out of 5)
Loading...

Ti è stato utile questo articolo? Dillo in giro!

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram

Lascia un commento

flexsupport_white

Ti aiutiamo a gestire la tua Partita Iva

Chiudi il menu
×

Carrello

Inizia a usare Flex Tax

Scopri i vantaggi dell'innovativa piattaforma per Partite Iva.

Gestione contabile

Consulente dedicato, adempimenti contabili e fiscali.

Apertura Partita Iva

Apertura Partita Iva, consulente dedicato, adempimenti fiscali e contabili.

Consulente Fiscale

Hai domande sul Regime Forfettario e Semplificato? I nostri consulenti rispondono

Calcolo Tasse

Per sapere in anticipo quante tasse dovrai pagare, usa il nostro simulatore per il Regime Forfettario.

E-Service

L’ E-commerce di servizi e strumenti per la gestione contabile e l’amministrazione aziendale.

Chi siamo


Esperti contabili, consulenti del lavoro, avvocati e un’azienda di innovazione digitale uniti per aiutare le imprese nella gestione della Partita Iva.