Aprire Partita IvaPartita Iva per affittacamere

Iscriviti gratis e ricevi subito assistenza fiscale gratuita

Aprire Partita Iva

Leggi l’articolo aggiornato: Aprire Partita Iva per Affittacamere

Come aprire Partita Iva per affittacamere

Sarà necessario aprire la Partita Iva per affittacamere nel momento in cui questo tipo di attività diventa continuativa e abituale nel tempo e soprattutto offrirai ai tuoi ospiti servizi aggiuntivi, quali per esempio la pulizia dell’appartamento, il cambio lenzuola, la prima colazione, ecc.

Per poter procedere all’apertura della tua partita Iva per affittacamere dovrai:

  • adottare l’apposito codice Ateco, che nel tuo caso specifico sarà 55.20.51 – Affittacamere per brevi soggiorni, case e appartamenti per vacanze, bed and breakfast, residence;
  • iscriverti alla Camera di Commercio versando il diritto camerale annuale di circa 50 euro;
  • presentare la Scia – Segnalazione Certificata Inizio Attività al tuo Comune;
  • iscriverti alla Gestione Artigiani e Commercianti Inps, a cui versare i contributi.
  • Guida Facile al Regime Forfettario

    Iscriviti alla piattaforma FlexTax e ricevi gratis il libro
    Scarica gratis ora

Il passo successivo sarà scegliere il Regime Fiscale più adatto per la tua attività di affittacamere e potrai effettuare tale scelta tra:

Regime Forfettario

  • I guadagni da Partita Iva nell’anno precedente non devono superare gli 85.000 euro e soprattutto non devi rientrare in nessuna delle cause di esclusione previste.
  • Ai ricavi che hai ottenuto devi applicare il coefficiente di redditività, che nel caso dell’affitto breve in partita Iva è del 40%, ottenendo in questo modo il reddito imponibile sul quale saranno calcolate le tasse che dovrai pagare.
  • Ai contributi da versare alla Gestione Artigiani e Commercianti Inps potrai applicare la riduzione del 35%, la quale si applica sia ai contributi fissi che a quelli eccedenti il minimale.

Regime Semplificato

  • I guadagni da Partita Iva non devono superare i 500.000 euro se vendi servizi o gli 800.000 euro se svolgi altre attività.
  • Ai ricavi dell’anno devi sottrarre tutti i costi sostenuti, ottenendo così il tuo reddito imponibile.
  • Al reddito imponibile saranno applicate le varie imposte quali Irpef e addizionali comunali e regionali, ecc.
  • Ai contributi da versare non potrai applicare la riduzione del 35% prevista in Forfettario.

Per essere sicuro di non commettere errori durante l’apertura della tua Partita Iva e per avere la certezza di poter adottare il Forfettario, ti consigliamo di affidarti ad un esperto del settore fiscale ed il Commercialista Online FlexTax è il servizio adatto a te!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Adv

Gestire la contabilità
può essere stressante

Ti aiutiamo a rendere tutto più facile
Fai il primo passo