Obbligo comunicazione PEC entro il 1° ottobre

Obbligo comunicazione PEC entro il 1° ottobre

Le imprese individuali attive, iscritte in Camera di Commercio, hanno l’obbligo di comunicare e mantenere attiva la PEC (il Domicilio Digitale dell’impresa) comunicata alla Camera di Commercio in fase di iscrizione o di variazione dell’attività.

La mancata regolarizzazione entro il 1° ottobre 2020, per le imprese individuali, comporta una sanzione amministrativa da € 30,00 a € 1.548,00.

Se in fase di apertura della tua attività hai comunicato la PEC, dovrai solo accertarti di mantenere attiva la stessa ed è consigliabile anche consultarla spesso.

Se non ricordi quale sia l’indirizzo PEC comunicato alla Camera di Commercio, ti diremo dove puoi verificarlo nel prossimo paragrafo.

Obbligo comunicazione PEC: verificare la propria PEC

Per verificare qual è l’indirizzo PEC che hai comunicato alla Camera di Commercio, così da controllare che sia ancora attivo, puoi procedere con uno dei seguenti modi:

  • consultare la visura camerale aggiornata della tua attività scaricabile dal cassetto digitale dell’imprenditore: Cassetto Digitale imprenditore. Per accedere potrai utilizzare la CNS o l’identità digitale (SPID);
  • ricercare la tua impresa sul Registro delle Imprese e visualizzare l’indirizzo PEC che risulta.

Ricorda che la PEC che hai comunicato alla Camera di Commercio devi mantenerla sempre attiva.

Ricevi gratuitamente la tua prima chiamata di assistenza

Attiva ora il tuo account gratuito

Variazione della PEC

Se la PEC che hai comunicato alla Camera di Commercio è un indirizzo vecchio che non utilizzi più (quindi non più attivo), devi procedere alla sua riattivazione oppure, se utilizzi un altro indirizzo PEC per la tua azienda (o non ne hai mai comunicato uno), devi comunicarlo alla Camera di Commercio con apposita pratica di variazione.

La pratica di variazione in Camera di Commercio potrai farla in autonomia attraverso il sito del Registro delle Imprese oppure fare riferimento al professionista che segue la tua attività. Anche se presenti la pratica di comunicazione della tua nuova PEC in autonomia, ti verranno richiesti i bolli/diritti camerali.

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (1 votes, average: 5,00 out of 5)
Loading...
Anna di FlexTax

Anna di FlexTax

Ti è stato utile questo articolo? Condividilo!

Facebook
Twitter
LinkedIn
WhatsApp
Telegram
Email

Articoli suggeriti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ricevi gratuitamente la tua prima chiamata di assistenza
Crea il tuo
Account Gratuito

Le recensioni dei nostri utenti

FlexTax Guide

Ti aiutiamo a gestire la tua Partita Iva

Carrello
Prodotto non più disponibile, il carrello è vuoto.
Continua a fare acquisti
0
Torna su

Parla gratis con un nostro esperto

Parla gratis con un nostro esperto

Iscriviti gratis

Inizia a usare FlexTax

Scopri i vantaggi dell'innovativa piattaforma per Partite Iva.

Accesso Freemium

Registrati e accedi gratuitamente a servizi e strumenti di FlexTax

Accesso Plus

Se decidi di affidare la tua contabilità ai consulenti di FlexTax

E-Service

L’ E-commerce di servizi e strumenti per la gestione contabile e l’amministrazione aziendale.

Chi siamo


Esperti contabili, consulenti del lavoro, avvocati e un’azienda di innovazione digitale uniti per aiutare le imprese nella gestione della Partita Iva.