Domande e Risposte

Lavoro dipendente e Regime forfettario: entro quale RAL possono convivere?

Lavoro come dipendente in qualità di programmatore informatico, ho una RAL di circa 35.000 euro. Sono musicista e compositore, vorrei aprire Partita IVA per monetizzare lo streaming delle mie canzoni e per poter fare concerti. La Partita IVA mi servirebbe anche per vendere dei programmi informatici di mia creazione (clienti non collegati al mio lavoro dipendente).

È possibile avere il doppio codice? Inoltre, con questa RAL posso aprire in regime forfettario?

Percependo lei reddito da lavoro dipendente superiore ai 30.000 euro, non potrà adottare il Regime Forfettario in quanto ricade in una delle cause di esclusione alla sua applicazione e per questo motivo dovrà adottare per la sua Partita Iva il Regime Ordinario semplificato.

Il regime Ordinario semplificato prevede:

  • che il reddito da Partita Iva faccia cumulo con quello da lavoro dipendente;
  • il calcolo del reddito imponibile attraverso la sottrazione dei costi ai ricavi conseguiti;
  • il versamento dell’Irpef secondo il classico meccanismo a scaglioni;
  • il versamento dei contributi

Nel momento in cui svolgerà più attività, dovrà adottare più Codici Ateco per la sua Partita Iva.

Le sottolineiamo infine che nel momento in cui si iscriverà in Camera di Commercio e ha un contestuale lavoro dipendente full-time, sarà esonerato dal versamento dei contributi alla Gestione Artigiani e Commercianti Inps.

Iscriviti alla piattaforma FlexTax e ricevi gratis il libro
Scarica gratis ora

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

ARTICOLI SIMILI