Gli investimenti in cryptovalute (Bitcoin, ma esistono centinaia di cryptovalute diverse) vanno dichiarati?

Iscriviti gratis e ricevi subito assistenza fiscale gratuita

Gli investimenti in cryptovalute (Bitcoin, ma esistono centinaia di cryptovalute diverse) vanno dichiarati? Se si, bisogna sempre pagarci le tasse o ci sono casi in cui si è esenti, se si quali?

I soggetti titolari di criptovalute sono obbligati a indicare tali monete digitali in dichiarazione dei redditi.

Tale dovere dichiarativo, rappresenta la diretta conseguenza del “monitoraggio fiscale”, in ragione del quale tutti i contribuenti che risiedono fiscalmente in Italia e che sono titolari di attività o di investimenti all’estero, sono obbligati a dichiararli e, quindi, a pagare le tasse nel nostro Paese.

Gli investimenti in criptovalute devono essere dichiarati nel Quadro RW della dichiarazione dei redditi , le plusvalenze su cui vengono pagate le imposte sono da dichiarare nel Quadro RT della dichiarazione dei redditi , noi non ci occupiamo della compilazione di questi quadri, possiamo solo inserire i quadri che l’utente ci produce già compilati e riportarli copiando esattamente il quadro sulla dichiarazione dei redditi, non entriamo in merito a quanto viene indicato.

La compilazione del quadro RW e RT è generalmente fatta da professionisti che si occupano prevalentemente di redditi di capitali, a noi dovranno essere forniti il quadro già compilato che andremo ad allegare alla dichiarazione dei redditi.

Guida Facile al Regime Forfettario

Iscriviti alla piattaforma FlexTax e ricevi gratis il libro
Scarica gratis ora

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Adv

Gestire la contabilità
può essere stressante

Ti aiutiamo a rendere tutto più facile
Fai il primo passo