Fatturazione Elettronica per Geometri

Iscriviti gratis e ricevi subito assistenza fiscale gratuita

All’interno della piattaforma FlexSuite puoi anche simulare le tasse da pagare, scaricare guide fiscali, utilizzare il gestionale di fatturazione e molto altro.

Fatturazione Elettronica per Geometri

Sei un geometra con Partita Iva attiva e desideri emettere fattura elettronica?
Ecco di seguito le informazioni per poter creare le tue fatture!

In questo articolo ti spiegheremo nel dettaglio come dovrai compilare le fatture, in base alle diverse situazioni che si possono verificare.

A partire dal 2024 la fattura elettronica sarà obbligatoria per tutti i titolari di Partita Iva, anche per i contribuenti in forfettario.

FlexTax ti permette di creare ed emettere le tue fatture elettroniche in pochi e semplici passaggi, attraverso il gestionale di fatturazione FlexInvoice.

Oltre all’aiuto che potrai ricevere contattando la nostra Assistenza, troverai tutte le video-guide con audio che ti torneranno utili per la compilazione delle tue fatture.

La nostra Assistenza sarà lieta di aiutarti, potrai contattarci iscrivendoti gratuitamente alla piattaforma.

La prima cosa da fare per poter emettere fattura è creare le anagrafiche dei tuoi clienti. Avrai bisogno di diverse informazioni in base al tipo di cliente a cui emettere fattura.

Ecco di seguito i diversi destinatari possibili:

  • contribuenti residenti in Italia: nell’anagrafica a loro dedicata dovrai inserire il numero di Partita Iva e il codice fiscale (che corrisponde al codice fiscale proprio del titolare della Partita Iva).
    N.B.: Se il tuo cliente è una società, il codice fiscale non corrisponderà al codice fiscale personale del titolare della Partita Iva. Dovrai ancora richiedere l’indirizzo di residenza o della sede dell’attività e il codice destinatario;
  • Calcola gratis le tasse da pagare e richiedi assistenza fiscale​

    Inizia Gratis
  • privati residenti in Italia: questi non sono titolari di Partita Iva, pertanto non possiedono un codice destinatario, infatti nel campo ad esso dedicato dovrai inserire 0000000 (ovvero 7 volte zero). N.B.: Non potendo identificare un vero e proprio codice destinatario, il Sistema di Interscambio non potrà effettuare l’invio automatico al cliente, ma dovrai sincerarti tu stesso di spedirgli una copia PDF della fattura via e-mail;
  • clienti residenti all’estero: anche in questo caso, non sarai in possesso di un codice destinatario e dovrai inserire nel campo ad esso dedicato XXXXXXX (ovvero 7 volte la lettera X maiuscola); inoltre, se il cliente non ti fornisce il numero di Partita Iva o il codice fiscale, dovrai inserire la sequenza OO99999999999 (ovvero due volte la lettera O maiuscola e undici volte il numero 9).

Una volta inserite le anagrafiche dei tuoi clienti potrai procedere con la creazione vera e propria della fattura elettronica.

Se adotti il Regime ordinario semplificato, dovrai:

  • inserire l’Iva in fattura;
  • inserire la ritenuta d’acconto del 20% se il tuo cliente è un’azienda italiana o un titolare di Partita Iva ordinaria;
  • inserire la rivalsa CIPAG del 5%.

Il Regime forfettario prevede invece:

  • la non applicazione dell’Iva in fattura;
  • la non applicazione della ritenuta d’acconto del 20%;
  • l’inserimento della rivalsa CIPAG del 5%.

Al posto dell’Iva, sulle fatture di importo superiore a 77,47€, dovrai applicare una marca da bollo del valore di 2€.

Potrai decidere di addebitare l’importo del bollo al cliente: in questo caso questo concorrerà alla formazione dei ricavi e al conseguente reddito imponibile.
Se invece decidi di non addebitare l’importo del bollo elettronico al cliente, questo non concorrerà alla formazione dei ricavi.

Il pagamento del bollo elettronico avviene ogni trimestre tramite il sito dell’Agenzia delle Entrate.

Se in Forfettario effettui prestazioni di servizi verso un Paese appartenente all’Unione Europea, dovrai iscriverti al VIES e inserire in fattura la dicitura “Inversione contabile” o “Reverse charge”.

Inoltre, se emetti fattura verso altri soggetti europei iscritti al VIES, dovrai presentare il Modello Intrastat, una dichiarazione che viene inviata all’Agenzia delle Dogane per la rilevazione dei dati statistici.

Per approfondimenti, potrai leggere il nostro articolo dedicato al Modello Intrastat:

Regime forfettario Intrastat

Se invece effettui prestazioni di servizi verso un Paese non appartenente all’Unione Europea, dovrai emettere una fattura senza addebito Iva (0%), inserendo l’aliquota Iva alla riga del dettaglio della prestazione “Operazione non soggetta ad Iva” 0% N2.1 non soggetto art.7 DPR 633/72.

Completata la fattura, dovrai trasmetterla al Sistema di Interscambio, che effettuerà i controlli necessari, prima di trasmetterla al destinatario finale (in caso tu abbia inserito un codice destinatario valido).

N.B.: La fattura dovrà essere inviata elettronicamente al Sistema di Interscambio entro 12 giorni dalla data inserita in fattura

Con FlexTax potrai usufruire del servizio dedicato alla fatturazione elettronica:

Attivazione fatturazione elettronica – 24€ Iva inclusa

Con l’acquisto del servizio per l’attivazione della fattura elettronica, ti offriremo 100 fatture elettroniche tra attive e passive, le quali non hanno scadenza e vanno fino ad esaurimento: ciò significa che potrai utilizzarle anche in anni diversi.

Al loro termine potrai effettuare delle ricariche direttamente dalla nostra piattaforma, in base alle tue necessità.

In caso di dubbi, non preoccuparti: la nostra Assistenza è pronta ad aiutarti, inizia subito ad utilizzare gratuitamente la piattaforma!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

ARTICOLI SIMILI