Fattura elettronica in ritardo: cosa accade

Fattura elettronica: modalità di invio

Fattura elettronica in ritardo: cosa accade? Prima  di soffermarci su questo dettaglio è necessario fare un passo indietro.

Come sappiamo, una volta emessa una fattura elettronica, questa verrà inviata al Sistema di Interscambio (SDI).
Il Sistema di Interscambio è il sistema informatico gestito dall‘Agenzia delle Entrate che si occupa di eseguire controlli sulle fatture elettroniche ricevute: qualora riscontrasse errori (per esempio di forma, contenuto o autenticità), il Sistema di Interscambio rispedirà la fattura al mittente.

Il mittente avrà a questo punto il compito di correggere la fattura elettronica e inviarla nuovamente al Sistema di Interscambio: se lo SDI non dovesse rilevare errori allora la fattura elettronica verrà inviata al destinatario.

Ma entro quanti giorni deve essere emessa la fattura elettronica? Nel paragrafo seguente daremo risposta a questa domanda.

Entro quanti giorni dal pagamento devo emettere fattura?

Per rispondere a questa domanda bisogna distinguere tra fattura immediata e fattura differita.

La fattura elettronica immediata deve essere emessa (pertanto trasmessa allo SDI) entro 12 giorni dalla data di esecuzione della prestazione o dalla data di ricezione del pagamento della prestazione.

Ricevi gratuitamente la tua prima chiamata di assistenza

Attiva ora il tuo account gratuito

La fattura elettronica differita invece, deve essere emessa entro il quindicesimo giorno del mese successivo a quello in cui è stata effettuata una determinata operazione o in cui si è ricevuto un pagamento di una determinata prestazione.

La data sulla fattura elettronica differita può essere quella in cui è stata svolta l’ultima prestazione nei confronti di un determinato soggetto. Se ad esempio per il mese di maggio si sono svolte prestazioni il 7/05/2022, il 18/05/2022 e il 21/05/2022, allora in fattura, alla voce “data” si potrà indicare 21/05/2022.

Ma cosa succede se la fattura viene emessa in ritardo? Vediamolo di seguito.

Cosa succede se emetto fattura elettronica dopo 12 giorni?

Fattura elettronica in ritardo: cosa accade?

Qualora dovessi emettere la tua fattura dopo i 12 giorni concessi, allora potresti incorrere in sanzioni:

  • se la fattura tardiva modifica le liquidazioni Iva:  tra il 90% e il 180% dell’Iva presente in fattura con un minimo di 500 euro.
  • se la tardività non comporta alcuna variazione nelle liquidazioni Iva o se si tratta di una fattura non soggetta o esente Iva (ad esempio le fatture emesse dai contribuenti forfettari, la sanzione varia dai 250 ai 2.000 euro

In ogni caso, se la violazione è meramente formale e non porta ad alcuna variazione delle liquidazioni periodiche Iva o alla determinazione del reddito, non si applica alcuna sanzione.

Per qualsiasi dubbio non esitare a contattarci! Per farlo sarà sufficiente creare, gratuitamente, il tuo account su FlexSuite.

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...
Alessandra di FlexTax

Alessandra di FlexTax

Ti è stato utile questo articolo? Condividilo!

Facebook
Twitter
LinkedIn
WhatsApp
Telegram
Email

Articoli suggeriti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ricevi gratuitamente la tua prima chiamata di assistenza
Crea il tuo
Account Gratuito

Le recensioni dei nostri utenti

FlexTax Guide

Ti aiutiamo a gestire la tua Partita Iva

Carrello
Prodotto non più disponibile, il carrello è vuoto.
Continua a fare acquisti
0
Torna su

Parla gratis con un nostro esperto

Parla gratis con un nostro esperto

Iscriviti gratis

Inizia a usare FlexTax

Scopri i vantaggi dell'innovativa piattaforma per Partite Iva.

Accesso Freemium

Registrati e accedi gratuitamente a servizi e strumenti di FlexTax

Accesso Plus

Se decidi di affidare la tua contabilità ai consulenti di FlexTax

E-Service

L’ E-commerce di servizi e strumenti per la gestione contabile e l’amministrazione aziendale.

Chi siamo


Esperti contabili, consulenti del lavoro, avvocati e un’azienda di innovazione digitale uniti per aiutare le imprese nella gestione della Partita Iva.