Vorrei aprire una p.iva in regime forfettario per un’attività ricettiva extra-alberghiera. Volevo sapere se per aderire al regime ridotto al 5% nei primi cinque anni dal momento dell’apertura, costituisse causa ostativa l’aver avuto una p.iva chiusa nel 2019 e relativa all’attività professionale di architetto, di fatto mai esercitata e con fatturato pari a 0? Nell’ipotesi in cui ora fruissi del regime agevolato al 5%, ne resterei escluso in futuro anche se esercitato in altra attività o settori? L’applicazione del forfettario al 5% ha limiti di età?

Non avendo svolto alcuna attività con la sua Partita Iva precedente, sarebbe stato consigliabile chiudere la Partita Iva retroattivamente.

Non c’è alcun riferimento normativo circa la sua situazione specifica ma, a nostro parere, non avendo lei emesso alcuna fattura, ciò non le impedisce di applicare la riduzione al 5% per i primi 5 anni di attività, in quanto non ha svolto effettiva attività di impresa.

Se si va ad effettuare un’attività che è una mera prosecuzione di una già svolta in precedenze, si perde la possibilità di applicare il 5%. Potrà usufruire della riduzione per 5 anni, senza limiti di età.

Nel corso di questi 5 anni potrà cambiare l’attività svolta in Partita Iva, andando a variare semplicemente il Codice Ateco adottato.

In questo modo, non dovrà chiudere la Partita Iva e riaprirla, perdendo la possibilità di usufruire dell’imposta al 5% per gli anni rimanenti.