Def approvato: cosa cambia per la Flat Tax? - Flextax.it

Def: cosa cambia per la Flat Tax?

Cos’è il Def?

Il Consiglio dei ministri ha approvato ieri il Documento di economia e finanza (Def).

Il Def è il documento che contiene:

  • le informazioni sull’attuale andamento economico,
  • le previsioni economiche per il triennio futuro
  • e indica gli obiettivi generali di finanza pubblica che saranno perseguiti nella Legge di Bilancio.

Il Def deve essere approvato ogni anno entro il 10 aprile, ed è importante perché anticipa i temi che saranno contenuti nella Legge di Bilancio di fine anno.

Si è parlato molto in questi giorni dell’argomento Def, soprattutto per la rilevanza che in questo momento riveste dal punto di vista politico, oltre che economico, dal momento che si stanno avvicinando le elezioni europee.

Per questo motivo i due alleati di Governo Lega e Cinque Stelle spingevano per inserire nel testo del Def tutte quelle che sono le loro principali proposte.

Per quanto riguarda la Lega, la volontà era quella di inserire già nel testo del Def la proposta di Flat Tax per le famiglie.

Ricevi gratuitamente la tua prima chiamata di assistenza

Attiva ora il tuo account gratuito

Vediamo allora in questo articolo cosa contiene il Def, basandoci sulle bozze che circolano del documento, per quanto riguarda la Flat Tax.

Def: cosa prevede già la Flat Tax?

Legge di Bilancio 2019

Nel Def si ricorda innanzitutto che alcuni passi per la Flat Tax sono già stati fatti con la Legge di Bilancio 2019, che ha introdotto:

  • per il 2019, la cosiddetta Flat Tax Partite Iva 2019, ossia l’estensione per le Partite Iva del Regime forfettario fino a 65.000 euro di ricavi, caratterizzato dall’imposta sostitutiva al 15% e dalla considerazione forfettaria dei costi;
  • per il 2020, la cosiddetta Flat Tax Partite Iva 2020, ossia l’imposta sostitutiva al 20% per le Partite Iva con ricavi compresi tra 65.001 e 100.000, con il reddito imponibile calcolato nei modi ordinari.

Decreto Crescita

Poi si ricorda che nel recente Decreto Crescita (che ha anche interessato la disciplina delle ritenute d’acconto in Regime forfettario) è stata modificata la mini Ires sugli investimenti che era stata appena istituita.

La mini Ires prevedeva uno sconto dell’aliquota Ires dal 24% al 15% sugli utili accantonati a riserva per quelle imprese che avessero investito in beni strumentali nuovi e assunto nuovo personale dipendente.

La mini Ires sugli investimenti aveva tuttavia riscontrato poco successo da parte delle imprese, visto anche il complicato meccanismo per la determinazione dell’agevolazione.

Con il Decreto Crescita viene invece istituito uno sconto Ires minore e graduale:

  • 22,5% per il 2019,
  • 21,5% per il 2020,
  • 20,5% per il 2021,
  • e 20% dal 2022;

sugli utili accantonati a riserva (quindi reinvestiti in azienda) nei limiti di incremento di patrimonio netto, indipendentemente dall’acquisto di nuovi beni strumentali o di nuove assunzioni di dipendenti.

Def: cosa cambia per la Flat Tax?

Nel Def si parla, infine, della volontà di estendere nei prossimi anni la Flat Tax sui redditi delle “persone fisiche a due aliquote del 15% e del 20%, a partire dai redditi più bassi, al contempo riformando le deduzioni e detrazioni”.

Si tratterebbe quindi di una Dual Tax, con due aliquote diverse sulla base di una soglia di reddito che è ancora da definire, che coinvolga anche le famiglie, quindi tutte le persone fisiche soggette a Irpef (dipendenti, pensionati, etc.).

Per quanto riguarda le deduzioni e detrazioni, gli esponenti del Governo parlano di una deduzione fissa di 3.000 euro sulla base del reddito familiare, che andrebbe a sostituire tutte le ordinarie deduzioni e detrazioni Irpef.

Sarà comunque un obiettivo da raggiungere in alcuni anni, come fa capire il testo del documento, così come anche le parole a commento del Presidente Conte.

Dal 2020

In ogni caso, la Flat Tax per le famiglie, basandoci sulle dichiarazioni degli esponenti del Governo, potrebbe comunque in parte già essere introdotta nel 2020 (con la Legge di Bilancio 2020) con una riduzione dell’Irpef al 15% se il reddito totale della famiglia è inferiore a 50.000 euro, con la deduzione fissa di 3.000 euro sulla base del reddito familiare.

Mentre si applicherebbe l’attuale Irpef a scaglioni di reddito se il reddito totale della famiglia è superiore a 50.000 euro.

Se hai bisogno di ulteriori informazioni riguardanti il Regime forfettario o la Flat Tax 2020, puoi richiedere assistenza ai nostri esperti.

Quanto è stato utile questo articolo? Vota. 

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...

 

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...
Anna di FlexTax

Anna di FlexTax

Ti è stato utile questo articolo? Condividilo!

Facebook
Twitter
LinkedIn
WhatsApp
Telegram
Email

Articoli suggeriti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Fatture Elettroniche
#NoProblem
50€ di sconto sui servizi
+ 1000 fatture elettroniche
Ricevi gratuitamente la tua prima chiamata di assistenza
Crea il tuo
Account Gratuito

Facebook

Le recensioni dei nostri utenti

FlexTax Guide

Ti aiutiamo a gestire la tua Partita Iva

Carrello
Prodotto non più disponibile, il carrello è vuoto.
Continua a fare acquisti
0
Torna su

Parla gratis con un nostro esperto

Parla gratis con un nostro esperto

Iscriviti gratis

Inizia a usare FlexTax

Scopri i vantaggi dell'innovativa piattaforma per Partite Iva.

Accesso Freemium

Registrati e accedi gratuitamente a servizi e strumenti di FlexTax

Accesso Plus

Se decidi di affidare la tua contabilità ai consulenti di FlexTax

E-Service

L’ E-commerce di servizi e strumenti per la gestione contabile e l’amministrazione aziendale.

Chi siamo


Esperti contabili, consulenti del lavoro, avvocati e un’azienda di innovazione digitale uniti per aiutare le imprese nella gestione della Partita Iva.