Cos’è l’imposta sostitutiva

Regime Forfettario: cos’è l’imposta sostitutiva

Se hai deciso di adottare il Regime Forfettario per la tua Partita Iva, sarai soggetto al versamento di:

  • Imposta sostitutiva
  • Contributi previdenziali

Entrambi vengono calcolati sul reddito imponibile, il quale nel Forfettario si ottiene applicando il coefficiente di redditività associato al Codice Ateco adottato per la tua Partita Iva ai ricavi conseguiti nell’anno.

Mentre i contributi previdenziali che dovrai versare dipendono dal tuo inquadramento fiscale (Professionista o Artigiano/Commerciante) e sono variabili, l’imposta sostitutiva è fissa ed è del 15%.

Ma che cos’è l’imposta sostitutiva? L’imposta sostitutiva del Regime Forfettario è l’unica imposta alla quale sarai soggetto, in quanto va appunto a sostituire tutte le altre imposte presenti nel regime Ordinario, quali Irpef, Irap, addizionali regionali e comunali.

L’aliquota del 15% di imposta sostitutiva potrà essere ridotta al 5% per i primi 5 anni di attività, ma devi rispettare precise condizioni.

Imposta sostitutiva al 5%: quando si può applicare

Come descritto, se applicherai il Forfettario per la tua Partita Iva dovrai versare l’imposta sostitutiva del 15% del tuo reddito (ricavi x coefficiente di redditività), ma se rispetterai precisi requisiti potrai ridurre l’aliquota al 5% per i primi 5 anni.

Ricevi assistenza
fiscale Gratuita
Attiva gratis il tuo account
Consulenza fiscale, fatture e simulatori di imposte

Riceverai una password provvisoria via Sms

Potrai applicare la riduzione al 5% se:

  • non abbia svolto, nei tre anni precedenti dell’inizio dell’attività, attività d’impresa anche in forma associata o familiare;
  • l’attività intrapresa non è in alcun modo una continuazione di un’attività precedentemente svolta sia sotto forma di lavoro autonomo che dipendente (da questo caso sono esclusi i periodi di pratica obbligatori per poter esercitare arti o professioni);
  • rilevi un’attività già avviata da un altro soggetto, devi verificare che l’ammontare di incassi generati l’anno precedente dall’attività, siano in linea con quelli richiesti per aderire al Regime forfettario.

Potrai applicare la riduzione d’imposta al 5% anche se hai già la Partita Iva attiva da qualche anno: in questo caso, oltre a rispettare le condizioni appena elencate, dovrai anche essere ancora all’interno del primo quinquennio di attività e potrai applicare la riduzione al 5% per i restanti anni che ti separano dai primi 5.

Per poter applicare la riduzione d’imposta al 5%, non dovrai inviare alcun modulo all’Agenzia delle Entrate, ma dovrai semplicemente rispettare i requisiti indicati: l’aliquota si applicherà direttamente al tuo reddito imponibile in fase di compilazione della Dichiarazione dei redditi.

Articolo utili:

Regime Forfettario riduzione 35% contributi

Limiti regime Forfettario

Vantaggi regime Forfettario

Regime Forfettario quando conviene?

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...
Elisa di FlexTax

Elisa di FlexTax

Ti è stato utile questo articolo? Condividilo!

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram

Articoli suggeriti

Lascia un commento

Ogni giorno professionisti e aziende di tutta Italia usano i servizi e gli strumenti gratuiti di FlexTax
Crea il tuo
Account Gratuito

FlexTax Guide

Ti aiutiamo a gestire la tua Partita Iva