Contributi per i periti industriali

Quali sono i contributi per i periti industriali

I contributi per i periti industriali in Partita Iva devono essere versati all’Ente di Previdenza dei Periti Industriali e dei Periti Industriali Laureati: l’Eppi.

Essa prevede il calcolo della pensione su base contributiva.

L’iscrizione alla cassa non è facoltativa ma obbligatoria per i periti industriali iscritti all’Albo che vogliono esercitare la libera professione, ma anche per qualunque tipo di prestazione svolta con competenze da perito industriale.

Di seguito andremo ad analizzare quali sono i contributi per i periti industriali obbligatori e quali le loro scadenze.

Contributi Eppi per i periti industriali

Vi sono tre tipi di contributi che chi svolge l’attività di perito industriale deve provvedere a versare:

Contributo soggettivo

Obbligatorio per tutti i periti industriali liberi professionisti.

Ricevi gratuitamente la tua prima chiamata di assistenza

Attiva ora il tuo account gratuito

La percentuale di tale contributo è pari al 18% del reddito netto da lavoro autonomo entro un determinato massimale che varia di anno in anno: per il 2022 sarà di 105.017 euro.

E’ inoltre possibile versare, oltre al contributo obbligatorio, anche un contributo opzionale, il cui importo non può essere inferiore all’1%. L’aliquota complessiva tra contributo obbligatorio e opzionale non deve essere superiore al 26%.

E’ inoltre prevista una riduzione del 50% per coloro che iniziano l’attività prima dei 28 anni.

Il contributo soggettivo è fiscalmente deducibile.

Contributo integrativo

La percentuale del contributo integrativo è pari al 5% del valore della fattura, e pertanto in essa deve essere riportato, anche nei confronti della Pubblica Amministrazione.

Salvo casi eccezionali, questo contributo non è deducibile.

Contributo di maternità

La misura del contributo di maternità e determinata ogni anno dal Consiglio di Amministrazione sulla base delle disposizioni dell’Articolo 83 del Decreto legislativo 151/2001.

Tale contributo è previsto per sostenere le donne, ma anche per i padri in caso di adozione o rinuncia della moglie alla maternità.

Anche questo contributo è deducibile fiscalmente.

Scadenze

I versamenti dei contributi per i periti industriali prevedono delle scadenze per adempiere agli obblighi e per presentare il modello reddituale Eppi 03.

Le scadenze sono riportate sul sito della cassa specifica e sono:

  • 15 dicembre per il primo acconto;
  • 15 aprile per il secondo acconto;
  • 30 settembre per la presentazione del modello EPPI 03 e il saldo.

Se vorrai ricevere maggiori informazioni, potrai richiedere assistenza fiscale gratuita iscrivendoti alla nostra piattaforma FlexTax e creando la tua area riservata FlexSuite.

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (1 votes, average: 5,00 out of 5)
Loading...
Rachele di FlexTax

Rachele di FlexTax

Ti è stato utile questo articolo? Condividilo!

Facebook
Twitter
LinkedIn
WhatsApp
Telegram
Email

Articoli suggeriti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ricevi gratuitamente la tua prima chiamata di assistenza
Crea il tuo
Account Gratuito

Le recensioni dei nostri utenti

FlexTax Guide

Ti aiutiamo a gestire la tua Partita Iva

Carrello
Prodotto non più disponibile, il carrello è vuoto.
Continua a fare acquisti
0
Torna su

Parla gratis con un nostro esperto

Parla gratis con un nostro esperto

Iscriviti gratis

Inizia a usare FlexTax

Scopri i vantaggi dell'innovativa piattaforma per Partite Iva.

Accesso Freemium

Registrati e accedi gratuitamente a servizi e strumenti di FlexTax

Accesso Plus

Se decidi di affidare la tua contabilità ai consulenti di FlexTax

E-Service

L’ E-commerce di servizi e strumenti per la gestione contabile e l’amministrazione aziendale.

Chi siamo


Esperti contabili, consulenti del lavoro, avvocati e un’azienda di innovazione digitale uniti per aiutare le imprese nella gestione della Partita Iva.