Contributi per i periti industriali

  • Professioni
  • Regime Forfettario
Indice

Quali sono i contributi per i periti industriali

I contributi per i periti industriali in Partita Iva devono essere versati all’Ente di Previdenza dei Periti Industriali e dei Periti Industriali Laureati: l’Eppi.

Essa prevede il calcolo della pensione su base contributiva.

L’iscrizione alla cassa non è facoltativa ma obbligatoria per i periti industriali iscritti all’Albo che vogliono esercitare la libera professione, ma anche per qualunque tipo di prestazione svolta con competenze da perito industriale.

Di seguito andremo ad analizzare quali sono i contributi per i periti industriali obbligatori e quali le loro scadenze.

Contributi Eppi per i periti industriali

Vi sono tre tipi di contributi che chi svolge l’attività di perito industriale deve provvedere a versare:

Contributo soggettivo

Obbligatorio per tutti i periti industriali liberi professionisti.

La percentuale di tale contributo è pari al 18% del reddito netto da lavoro autonomo entro un determinato massimale che varia di anno in anno: per il 2022 sarà di 105.017 euro.

E’ inoltre possibile versare, oltre al contributo obbligatorio, anche un contributo opzionale, il cui importo non può essere inferiore all’1%. L’aliquota complessiva tra contributo obbligatorio e opzionale non deve essere superiore al 26%.

E’ inoltre prevista una riduzione del 50% per coloro che iniziano l’attività prima dei 28 anni.

Il contributo soggettivo è fiscalmente deducibile.

Contributo integrativo

La percentuale del contributo integrativo è pari al 5% del valore della fattura, e pertanto in essa deve essere riportato, anche nei confronti della Pubblica Amministrazione.

Salvo casi eccezionali, questo contributo non è deducibile.

Contributo di maternità

La misura del contributo di maternità e determinata ogni anno dal Consiglio di Amministrazione sulla base delle disposizioni dell’Articolo 83 del Decreto legislativo 151/2001.

Tale contributo è previsto per sostenere le donne, ma anche per i padri in caso di adozione o rinuncia della moglie alla maternità.

Anche questo contributo è deducibile fiscalmente.

Scadenze

I versamenti dei contributi per i periti industriali prevedono delle scadenze per adempiere agli obblighi e per presentare il modello reddituale Eppi 03.

Le scadenze sono riportate sul sito della cassa specifica e sono:

  • 15 dicembre per il primo acconto;
  • 15 aprile per il secondo acconto;
  • 30 settembre per la presentazione del modello EPPI 03 e il saldo.

Se vorrai ricevere maggiori informazioni, potrai richiedere assistenza fiscale gratuita iscrivendoti alla nostra piattaforma FlexTax e creando la tua area riservata FlexSuite.

Condividi:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Accedi gratis al gestionale e ricevi la tua prima chiamata di assistenza

Crea il tuo Account Gratuito

Gestire la contabilità

A partire

259€

Anno / Iva Esclusa

Categorie

Guide utili

Gestire la contabilità può essere stressante.
Ti aiutiamo a rendere tutto più facile.

Articoli simili

Torna su

Parla gratis con un nostro esperto

Parla gratis con un nostro esperto