Contributi Inps obbligatori per i possessori di Partita Iva

All’interno di questo articolo parleremo dei contributi Inps con Partita Iva, in quanto sono sempre più numerosi i soggetti che valutano la possibilità di aprire una Partita Iva per svolgere un’attività in proprio.

I soggetti che vogliono aprire una Partita Iva spesso decidono di rinunciare perché spaventati dalle difficoltà di gestione e dall’ammontare di imposte e contributi che saranno tenuti a versare.

In particolare, se hai deciso di aprire Partita Iva dovrai versare i contributi previdenziali presso l’Inps, nel caso in cui tu sia un artigiano, un commerciante oppure un professionista senza una cassa di previdenza dedicata.

Di seguito andremo quindi ad analizzare le regole di contribuzione dell’Inps e le differenze che sono previste a seconda che tu sia un artigiano o commerciante oppure tu sia un professionista.

NB: Se sei un professionista con una cassa previdenziale dedicata (avvocato, geometra, ingegnere ecc..), non dovrai versare i contributi Inps con Partita Iva, ma dovrai consultare le regole contributive stabilite dalla tua cassa previdenziale di riferimento.

Commercialista online

Contributi Inps artigiani e commercianti

Se rientri in una di queste due categorie di contribuenti, dovrai obbligatoriamente iscriverti alla Gestione Artigiani e Commercianti.

I contributi Inps con Partita Iva, nel caso in cui tu sia un artigiano o un commerciante si dividono in due differenti tipologie:

  • Contributi fissi sul minimale, i quali sono sempre dovuti (indipendentemente dal conseguimento dei ricavi);
  • Contributi eccedenti il minimale, si determinano applicando una percentuale sul reddito eccedente il minimale.

Contributi fissi

La particolarità di tale tipologia di contributi Inps con Partita Iva è data dal fatto che dovrai pagarli anche se in un determinato anno consegui un ammontare di ricavi pari a 0.

L’importo dei contributi fissi Inps è stabilito ogni anno direttamente dall’Inps e viene comunicato tramite apposita circolare (per il 2019 la circolare di riferimento è la numero 25 del 13/02/2019).

Per quanto riguarda il 2019, i contributi fissi che dovranno versare artigiani e commercianti fino a 15.878 euro di reddito risultano essere i seguenti:

Il pagamento di tali contributi fissi dovrà essere effettuato in 4 rate:

  • 16 maggio;
  • 20 agosto;
  • 16 novembre;
  • 16 febbraio (dell’anno successivo).

Contributi eccedenti il minimale

Oltre ai contributi fissi, se il reddito derivante dall’esercizio dell’attività con Partita Iva risulta superiore al minimale stabilito ogni anno dall’Inps (15.878 euro per il 2019), dovrai versare ulteriori contributi che vengono calcolati applicando una data percentuale sul reddito che eccede il minimale previsto.

NB: i 15.878 euro di reddito minimale si riferiscono, appunto, al REDDITO, il quale si ottiene applicando il coefficiente di redditività ai ricavi conseguiti durante l’anno.

Questi contributi vengono chiamati, appunto, contributi eccedenti il minimale.

Anche le aliquote percentuali da dover applicare ai ricavi vengono stabilite dall’Inps.

Per quanto riguarda il 2019 le aliquote risultano essere le seguenti:

Di seguito andremo a fare un esempio per permetterti di capire il meccanismo di calcolo dei contributi eccedenti il minimale:

Esempio

Se sei un parrucchiere (coefficiente di redditività del 67%) ed i tuoi ricavi ammontano a 30.000 euro, non dovrai versare solamente la quota di contributi fissi (3.818,16 euro), ma dovrai anche versare il 24% dell’ammontare di reddito che supera i 15.878 euro.

In questo esempio, siccome il reddito risulta essere pari a 20.100 euro (67% di 30.000), il reddito che eccede il minimale risulta essere di 4.222 euro (20.100 – 15.878) e applicando l’aliquota di riferimento (24%) risulterà che dovrai versare ulteriori 1.013,28 euro (24% di 4.222) a titolo di “contributi eccedenti il minimale”.

Quindi, in totale dovrai versare contributi per un ammontare di 4.831,44 euro (3.818,16 + 1.013,28).

I contributi eccedenti il minimale, dovranno essere versati in due sole scadenze, la prima il 30 giugno e la seconda il 30 novembre.

Professionisti senza cassa previdenziale

Se sei un lavoratore autonomo e per la tua professione non è prevista una cassa previdenziale dedicata, dovrai obbligatoriamente iscriverti alla Gestione Separata Inps e provvedere al pagamento dei contributi Inps con Partita Iva secondo le regole previste dalla Gestione Separata.

Se sei un professionista iscritto alla Gestione Separata Inps, dovrai applicare un’aliquota pari al 25,72% sull’ammontare di reddito prodotto durante lo svolgimento della tua attività con Partita Iva.

Il vantaggio di essere iscritti alla Gestione Separata è dato dal fatto che non sono previsti i contributi fissi da dover versare, ciò vuol dire che se non produci alcun reddito in un determinato anno, dovrai versare un ammontare di contributi Inps con Partita Iva pari a 0 (25,72% di 0).

Commercialista online

Contributi Inps con Partita Iva: Regime forfettario

Se svolgi un’attività con Partita Iva all’interno del Regime forfettario e allo stesso tempo sei soggetto all’obbligo di iscrizione presso la Gestione Artigiani e Commercianti, avrai diritto ad una riduzione pari al 35% dei contributi Inps con Partita Iva che sei tenuto a versare.

Tale riduzione dei contributi NON è riservata solamente alle Partite Iva di nuova apertura.

Potrai usufruire della riduzione del 35% dei contributi Inps con Partita Iva anche se possiedi già una Partita Iva attiva e adotti per la prima volta il Regime forfettario.

Se hai bisogno di informazioni riguardanti il Regime forfettario o riguardanti i contributi Inps con Partita Iva, dovrai solamente richiedere assistenza ai nostri professionisti.

Quanto è stato utile questo articolo? Vota. 

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle (4 voti, media: 5,00 su 5)
Loading...

Risposta alle domande più frequenti sul Regime forfettario:

Guida Regime forfettario

Vendere su Amazon con il Regime forfettario

Partita Iva come libero professionista

Partita Iva pensionati

Partita Iva agevolata

Come aprire Partita Iva giovani