Vivo a Berlino ma ho attività freelance in Italia. Con quale regime mi conviene aprire la Partita Iva?

Categoria: Regime ForfettarioVivo a Berlino ma ho attività freelance in Italia. Con quale regime mi conviene aprire la Partita Iva?
AvatarFlex Tax Staff asked 2 mesi ago

Sono uno sviluppatore software, vivo e lavoro a Berlino per un’azienda tedesca. Ho in parallelo iniziato un’attività di freelance in Italia, però la ritenuta d’acconto non è un percorso seguibile. Sono interessato a capire, nella mia situazione, quali sono le regole e le tasse che dovrei pagare.

Per la sua attività può adottare due differenti Regimi fiscali:

  • Il Regime forfettario se rispetta tutte le condizioni che può trovare illustrate qui: Regime Forfettario 2020 nuovi limiti. In particolare, avendo lei la residenza in Germania (Unione Europea), può applicare il forfettario solo se svolge la sua attività per almeno il 75% nel territorio italiano.
  • Il Regime ordinario semplificato.

Non possiamo dirle se per lei il Regime forfettario sia conveniente o meno rispetto a quello ordinario in quanto non effettuiamo calcoli così complessi per ogni singola situazione (non ci è possibile farlo in questo contesto), ma possiamo fornirle alcuni spunti di riflessione.

La differenza sostanziale che si ha tra i due Regimi è l’imposta dovuta allo Stato e il modo in cui si calcola il reddito imponibile.

Infatti, mentre nel Regime ordinario semplificato si pagano IRPEF, addizionali, ecc e il reddito imponibile si calcola deducendo i costi dai ricavi ottenuti, nel Regime forfettario si paga solo l’imposta sostitutiva e il reddito imponibile viene calcolato applicando il coefficiente di redditività previsto per la propria attività ai ricavi conseguiti.

In particolare, per valutare la convenienza del Regime forfettario per la sua situazione deve verificare che il vantaggio derivante dall’applicazione del 15% dell’imposta sostitutiva (o del 5% se rispetta le condizioni illustrate in questo articolo: Regime forfettario 5%) al posto che Irpef, Irap, addizionali, ecc.non venga vanificato:

  • dal minore importo delle spese forfettarie riconosciute per la sua attività rispetto a quelle effettivamente sostenute per lo svolgimento della stessa. Per esempio se per la sua attività è previsto un coefficiente di redditività del 78% (non ci ha indicato l’attività da lei svolta quindi è solo un esempio), ovvero è stimato che per avere 1000 euro di ricavi ne spende 220. Se, invece, ne spende effettivamente di più il Regime forfettario potrebbe non essere per lei conveniente;
  • dalla perdita della possibilità di dedurre/detrarre altre tipologie di spese dal reddito imponibile (per esempio quelle per carichi familiari). Infatti dal reddito imponibile (determinato con l’applicazione del coefficiente di redditività ai ricavi) possono essere dedotti unicamente i contributi obbligatori pagati l’anno precedente e si perderà quindi la possibilità di dedurre/detrarre le altre tipologie di spese (carichi familiari, spese mediche, spese ristrutturazione, ecc.). Tali spese potranno essere dedotte/detratte da eventuali altri redditi soggetti ad Irpef.

Se vorrà indicarci il dettaglio dell’attività da lei svolta e quale Regime fiscale vorrà applicare, potremo essere più specifici in merito a imposte e contributi che dovrà versare.

[elementor-template id="101084"]

 

Ti è stato utile questo articolo? Condividilo!

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram

Ti aiutiamo a gestire la tua Partita Iva