Domande e Risposte

Quanto devo pagare di tasse se sono un infermiere in forfettario?

Sono un infermiere che lavora in libera professione. Avevo chiuso la Partita Iva, poi l’ho dovuta riaprire e adesso lavoro presso una struttura la quale mi garantisce una media di 160 ore mensili con compenso orario di 24,51 euro, per cui in un mese arriverei a prendere lordi 3.921 € e 47.000€ lordi annui.

Quanto poi devo pagare di tasse? Quali spese devo sostenere e quindi quanto potrebbe essere l’utile a fine anno?

Data la sua attività di infermiere, il coefficiente di redditività che dovrà applicare ai suoi ricavi è del 78%.

Di seguito procederemo con un esempio di quale sarebbe la sua situazione se adottasse il Regime forfettario:

Ricavi: 47.000 euro

Coefficiente di redditività: 78%

Reddito imponibile al lordo dei contributi versati: 36.660 euro

Contributi versati nell’anno (principio di cassa): 2.660 euro(cifra casuale solo per esempio)

Reddito imponibile al netto dei contributi versati: 34.000 euro (36.660 – 2.660)

Imposta sostitutiva al 15%: 5.100(34.000 x 15%)

Quindi, dati i suoi ricavi di 47.000 euro andrebbe a pagare 5.100 euro di imposta sostitutiva.

Per quanto riguarda i contributi che dovrà versare all’ENPAPI dovrà calcolarli lei in quanto non abbiamo abbastanza informazioni sulla sua situazione per poterle dare indicazioni in merito.

Dopo che avrà calcolato i contributi che dovrà versare all’ENPAPI, per calcolare il suo “guadagno netto” dovrà anche valutare se le spese forfettarie che le sono state riconosciute sono minori/uguali o maggiori a quelle da lei effettivamente sostenute.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

ARTICOLI SIMILI