Quante tasse devo pagare se sono in regime forfettario?

  • Domande e Risposte

Avrei necessità di delucidazioni sulla tassazione. Ho aperto Partita Iva in data nel 2022, sono iscritto alla Gestione Separata Inps e adotto il Regime forfettario con imposta sostitutiva al 5% e coefficiente di redditività al 78%.

 

Procederemo fornendole alcune informazioni utili relativamente alla tassazione, in base alla sua situazione.

Avendo aperto partita Iva nel 2022, i primi versamenti di imposta e contributi li effettuerà a giugno del 2023, in occasione della sua prima dichiarazione dei redditi.

Procediamo con un esempio immaginando che nel 2022 i suoi ricavi siano pari a 20.000 euro. Attualmente il suo incassato inteso come base imponibile su cui verranno calcolati imposta e contributi è pari a € 18.048,00: potrà vedere questi dati nella sezione FlexEconomy – Report fiscale.

Ricavi 2022: 20.000 €

Coefficiente di redditività: 78%

  • Reddito imponibile (ricavi x coeff. di redditività) = 20.000 x 78% = 15.600 €
  • Imposta sostitutiva 5% (reddito imponibile x 5%) = 15.600 x 5% = 780 €
  • Contributi Gestione separata Inps (reddito imponibile x 26,23%) = 15.600 x 26,23% = 4.091,9 €

A giugno del 2023 compilerà la sua prima Dichiarazione dei redditi.

Il 30 giugno 2023 verserà:

  • saldo imposta sostitutiva 2022 = 780 €
  • saldo contributi 2022 = 4.091,9 €
  • 1° acconto 50% imposta sostitutiva 2023 = 780 x 50% = 390 €
  • 1° acconto 40% contributi 2023 = 4.091,9 x 40% = 1.636,76 €

L’importo che ne deriva può essere suddiviso fino a 6 rate, l’ultima delle quali deve essere versata entro il 16 novembre.

Il 30 novembre 2023 verserà:

  • 2° acconto 50% imposta sostitutiva 2023 = 780 x 50% = 390 €
  • 2° acconto 40% contributi 2023 = 4.091,9 x 40% = 1.636,76 €

Tale importo non può essere suddiviso e andrà versato in un’unica soluzione.

In sede di prima Dichiarazione dei redditi subirà una sorta di “doppia tassazione”, in quanto non avrà versato ancora alcun contributo nell’anno di imposta e non avrà la possibilità pertanto di dedurre nessuna voce.

Dalla seconda Dichiarazione dei redditi in poi, il meccanismo prenderà il giusto via e dal reddito imponibile potrà dedurre i contributi versati nell’anno di calcolo.

Condividi:

Accedi gratis al gestionale e ricevi la tua prima chiamata di assistenza

Crea il tuo Account Gratuito

Gestire la contabilità

A partire

259€

Anno / Iva Esclusa

Categorie

Guide utili

Gestire la contabilità può essere stressante.
Ti aiutiamo a rendere tutto più facile.

Articoli simili

Torna su

Parla gratis con un nostro esperto

Parla gratis con un nostro esperto