Quale Partita Iva devo aprire per l'attività di rivendita prodotti personalizzati tramite e-commerce? - Flextax.it

Quale Partita Iva devo aprire per l’attività di rivendita prodotti personalizzati tramite e-commerce?

Quale Partita Iva devo aprire per l’attività di rivendita prodotti personalizzati tramite e-commerce?Quale Partita Iva devo aprire per l’attività di rivendita prodotti personalizzati tramite e-commerce?
FlexTax Staff asked 2 anni ago

Quale partita iva aprire? Quali costi ci sono da sostenere?  Vorrei svolgere un’attività di rivendita di prodotti personalizzati tramite e-commerce.
Non produco gli articoli, mi occupo della relativa consulenza sulla scelta degli stessi e di tutto ciò che riguarda la personalizzazione e grafica, dopodiché li acquisto da un fornitore e lo rivendo al cliente finale.

Per poter adottare il Regime Forfettario per la sua Partita Iva, deve controllare di rispettare tutte le condizioni che trova elencate qui: Regime Forfettario 2020 nuovi limiti.

Il Codice Ateco corretto per l’attività che andrà a svolgere è il seguente:

  • 47.91.10 – Commercio al dettaglio di qualsiasi tipo di prodotto effettuato via internet

che include:

– vendita effettuata tramite aste su internet

Il coefficiente di redditività associato a tale Codice è del 40%: questo va applicato ai ricavi conseguiti per ottenere il reddito imponibile su cui calcolare imposta sostitutiva e contributi da versare.

Questo vuol dire che su 1.000 euro di ricavi, 400 euro saranno tassati mentre 600 no e considerati spesa forfettaria da lei sostenuta.

[elementor-template id="117236"]

L’imposta sostitutiva è del 15%, con la possibilità di applicare la riduzione al 5% per i primi 5 anni di attività se si rispettano le condizioni che può leggere qui: imposta sostitutiva 5%.

Come Commerciante, dovrà iscriversi in Camera di Commercio e alla Gestione Commercianti Inps, a cui versare i contributi secondo la seguente fascia di reddito:

  • per il reddito compreso tra 0 e 15.878 euro: dovrà versare circa 3.800 euro all’anno di contributi fissi;
  • per il reddito superiore ai 15.878 euro: oltre ai contributi fissi, li verserà per il 24,09%.

Facendo parte della Gestione Commercianti Inps, potrà richiedere la riduzione del 35% dei contributi da versare, sia fissi che eccedenti il minimale. Per tutti gli approfondimenti: Regime forfettario riduzione contributi Artigiani e Commercianti.

Il Regime Ordinario invece prevede:

  • Il calcolo del reddito imponibile attraverso la sottrazione ricavi – costi/spese sostenute;
  • il versamento dell’Irpef attraverso il classico meccanismo a scaglioni;
  • il versamento dei contributi con la stessa modalità del Regime Forfettario, ma in questo caso non potrà richiedere la riduzione del 35% dei contributi, riservata ai contribuenti forfettari iscritti in Camera di Commercio.

Alla luce di quanto descritto, non possiamo dirle se per lei il Regime Forfettario sia conveniente o meno rispetto a quello Ordinario, in quanto non effettuiamo calcoli così complessi per ogni singola situazione, non ci è possibile farlo in questo contesto, ma possiamo fornirle alcuni spunti di riflessione.

La differenza sostanziale che si ha tra i due Regimi è l’imposta dovuta allo Stato e il modo in cui si calcola il reddito imponibile.

Infatti, mentre nel Regime Ordinario si pagano IRPEF, addizionali, ecc e il reddito imponibile si calcola deducendo i costi dai ricavi ottenuti, nel Regime Forfettario si paga solo l’imposta sostitutiva e il reddito imponibile viene calcolato applicando il coefficiente di redditività previsto per la propria attività ai ricavi conseguiti.

In particolare, per valutare la convenienza del Regime forfettario per la sua situazione deve verificare che il vantaggio derivante dall’applicazione del 15% dell’imposta sostitutiva (o del 5% se rispetta le condizioni illustrate in questo articolo: Regime forfettario 5%) al posto che Irpef, Irap, addizionali, ecc.non venga vanificato:

  • dal minore importo delle spese forfettarie riconosciute per la sua attività rispetto a quelle effettivamente sostenute per lo svolgimento della stessa. Per esempio, se per la sua attività è previsto un coefficiente di redditività del 40%, ovvero è stimato che per avere 1000 euro di ricavi ne spende 600. Se, invece, ne spende effettivamente di più il Regime forfettario potrebbe non essere per lei conveniente;
  • dalla perdita della possibilità di dedurre/detrarre altre tipologie di spese dal reddito imponibile (per esempio quelle per carichi familiari). Infatti dal reddito imponibile (determinato con l’applicazione del coefficiente di redditività ai ricavi) possono essere dedotti unicamente i contributi obbligatori pagati l’anno precedente e si perderà quindi la possibilità di dedurre/detrarre le altre tipologie di spese (carichi familiari, spese mediche, spese ristrutturazione, ecc.). Tali spese potranno essere dedotte/detratte da eventuali altri redditi soggetti ad Irpef.

Ti è stato utile questo articolo? Condividilo!

Facebook
Twitter
LinkedIn
WhatsApp
Telegram

Le recensioni dei nostri utenti

FlexTax Guide

Ti aiutiamo a gestire la tua Partita Iva

Carrello
Prodotto non più disponibile, il carrello è vuoto.
Continua a fare acquisti
0
Torna su

Inizia a usare FlexTax

Scopri i vantaggi dell'innovativa piattaforma per Partite Iva.

Accesso Freemium

Registrati e accedi gratuitamente a servizi e strumenti di FlexTax

Accesso Plus

Se decidi di affidare la tua contabilità ai consulenti di FlexTax

E-Service

L’ E-commerce di servizi e strumenti per la gestione contabile e l’amministrazione aziendale.

Chi siamo


Esperti contabili, consulenti del lavoro, avvocati e un’azienda di innovazione digitale uniti per aiutare le imprese nella gestione della Partita Iva.