Domande e Risposte

Qual è la soluzione migliore se voglio aprire Partita Iva per avviare un e-commerce e fare social media marketing?

Vorrei aprire la partita IVA. Le attività sarebbero quelle di avviare un e-commerce e il social media marketing.
Attualmente sono un dipendente privato full time con contratto indeterminato, so che posso accedere al regime forfettario perché non supero i 30.000 euro e non sono in contrasto con il mio datore di lavoro (diverse attività ateco).

Quale sarebbe la soluzione migliore per assemblare queste attività? A livello di costi/tasse quale mi conviene?

Se vorrà adottare il Regime Forfettario per la sua Partita Iva, dovrà controllare di rispettare tutte le condizioni che può trovare elencate qui:

Limiti Regime Forfettario.

Per l’attività di e-commerce, il Codice Ateco che dovrà adottare è i seguente:

  • 47.91.10Commercio al dettaglio di qualsiasi tipo di prodotto effettuato via internet
    che include:

    • vendita effettuata tramite aste su internet

Se con la sua attività di social media marketing fornisce solo consulenze ai suoi clienti su come condurre le campagne pubblicitarie, il Codice Ateco corretto è il seguente:

  • 73.11.01Ideazione di campagne pubblicitarie
    che include:

    • ideazione di campagne pubblicitarie: creazione e collocazione di pubblicità per giornali, periodici, radio, televisioni, internet ed altri mezzi di comunicazione
    • creazione e strategia di diffusione di pubblicità esterna, ad esempio: cartelloni pubblicitari, pannelli pubblicitari, opuscoli, allestimento di vetrine, progettazione di sale d’esposizione, scritte pubblicitarie su autobus e autoveicoli eccetera
    • creazione di stand ed altre strutture e spazi espositivi

Se, al contrario, si occupa direttamente lei di realizzare e condurre in prima persona le campagne di marketing per conto dei suoi clienti, il Codice Ateco che dovrà adottare è il:

  • 73.11.02 – Conduzione di campagne di marketing e altri servizi pubblicitari
    che include:

    • conduzione di campagne pubblicitarie: collocazione di pubblicità in giornali, periodici, radio, televisioni, internet ed altri mezzi di comunicazione
    • conduzione di campagne di marketing ed altri servizi pubblicitari mirati ad attirare e ad assicurare la fedeltà dei clienti
    • promozione dei prodotti
    • realizzazione di pubblicità aerea
    • distribuzione o consegna di materiale pubblicitario o di campioni
    • consulenza sulla disposizione dei prodotti all’interno del punto vendita
    • realizzazione di pubblicità postale

Il coefficiente di redditività associato al Codice Ateco del commercio online, il 47.91.10, è del 40% mentre quello associato ai Codici 73.11.01 e 73.11.02 è del 78%.

Il coefficiente di redditività va applicato ai ricavi conseguiti per ottenere il reddito imponibile su cui calcolare imposta e contributi da versare.

Avendo lei due differenti coefficienti di redditività, a fine anno dovrà distinguere i ricavi percepiti da ciascuna attività e applicare il rispettivo coefficiente.

L’imposta sostitutiva è del 15%, con la possibilità di applicare la riduzione al 5% per i primi 5 anni di attività se ne rispetta le condizioni:

Regime forfettario imposta sostitutiva 5 %

Dovrà iscriversi in Camera di Commercio ed essendo un dipendente full-time sarà esonerato dal versamento dei contributi alla Gestione Artigiani e Commercianti Inps.

Pertanto, verserà solo l’imposta sostitutiva e il diritto camerale, il tributo alla Camera di Commercio che si versa una volta all’anno e ammonta a circa 50,00 euro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

ARTICOLI SIMILI