Posso spalmare nel corso dell’anno i contributi fissi Inps come artigiano in forfettario?

  • Domande e Risposte

Se apro la partita Iva in forfettario come Artigiano, i circa 3800 euro di spese fisse dei contributi Inps sono da pagare tutte in una volta oppure si possono spalmare nel corso dell’anno? Ci sono già delle regole al riguardo?

I contributi fissi INPS, ovvero € 3.800 circa, devono essere pagati in 4 rate fisse nelle seguenti scadenze:

  • 16 maggio;
  • 20 agosto;
  • 16 novembre;
  • 16 febbraio (dell’anno successivo).

Eventuali contributi dovuti oltre il fisso di € 3.800 euro (quindi dovuti solo se avrà un reddito superiore a € 15.878), dovranno essere versati in sede della Dichiarazione dei redditi, ovvero solitamente il 30 Giugno ma, ad esempio, quest’anno cadendo di domenica la scadenza slitta al 1^ Luglio. Tale importo potrà essere anche rateizzato.

 

Abbiamo dettagliato scadenze annuali per Artigiani e Commercianti in questo seguente articolo: Scadenze fiscali 2019 artigiani e commercianti nel forfettario

In questo modo potrà analizzare nel dettaglio tutte le scadenze che avrà se aprirà la Partita Iva in Regime forfettario come Artigiano.

Condividi:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Accedi gratis al gestionale e ricevi la tua prima chiamata di assistenza

Crea il tuo Account Gratuito

Gestire la contabilità

A partire

259€

Anno / Iva Esclusa

Categorie

Guide utili

Gestire la contabilità può essere stressante.
Ti aiutiamo a rendere tutto più facile.

Articoli simili

Torna su

Parla gratis con un nostro esperto

Parla gratis con un nostro esperto