Posso aprire Partita Iva e avere come cliente la società inglese di cui ero dipendente in Inghilterra? - Flextax.it

Posso aprire Partita Iva e avere come cliente la società inglese di cui ero dipendente in Inghilterra?

Posso aprire Partita Iva e avere come cliente la società inglese di cui ero dipendente in Inghilterra?Categoria: Regime ForfettarioPosso aprire Partita Iva e avere come cliente la società inglese di cui ero dipendente in Inghilterra?
FlexTax Staff asked 2 anni ago

Ho una domanda su l’apertura di una partita IVA per servizi Marketing.
Il mio principale cliente (100% dei miei ricavi) è una azienda a Londra (UK), per la quale sono stata impiegata per un anno quando abitavo a Londra. Loro non hanno uffici o attività in Italia.
So che ci sono esclusioni per il regime forfettario se fatturo più del 50% al datore di lavoro che ho avuto nei 2 anni precedenti all’apertura della partita IVA, o anche che non posso avere la riduzione a 5% se l’attivita e una prosecuzione di un’attività che ho fatto come dipendente – ma queste esclusioni sono anche in applicazione se queste attività erano all’estero?

Per poter aprire la sua Partita Iva e adottare il Regime Forfettario, dovrà controllare di non ricadere in nessuna delle cause di esclusione che trova elencate qui: Regime Forfettario 2020 nuovi limiti.

Fatturando lei unicamente all’estero, per poter adottare il Forfettario (oltre a rispettare tutte le condizioni previste) dovrà avere la residenza in Italia.

Per rispondere alla sua domanda, le riportiamo parte del testo dell’interpello n.173 del 30 maggio 2019 dell’Agenzia delle Entrate:

“La circostanza che il professionista possa instaurare un rapporto di lavoro autonomo con un soggetto estero, con il quale è intercorso, sempre all’estero, un rapporto di lavoro dipendente durante il periodo di sorveglianza, escluderebbe la sussistenza di un’artificiosa trasformazione nel senso sopra descritto, non essendovi alcun criterio di collegamento con il territorio dello Stato dei redditi di lavoro dipendente percepiti all’estero.
Pertanto, nel presupposto che il contribuente rientri in Italia e sia ivi residente, ai fini fiscali, si ritiene che l’istante possa applicare il regime forfetario (ferma restando la sussistenza degli ulteriori requisiti) in quanto non risulta integrata la causa ostativa di cui alla lettera d-bis) del comma 57 dell’articolo 1 della legge n. 190 del 2014.”

Pertanto, nel momento in cui tornerà in Italia e sarà residente qui, l’avere come unico committente il suo datore di lavoro estero non sarà causa ostativa all’applicazione del Regime Forfettario per la sua Partita Iva.

Infine, se quella che svolgeva all’estero è la stessa attività che andrà a svolgere qui in Italia, a nostro parere potrebbe comunque applicare l’imposta sostitutiva al 5%, in quanto i redditi che percepirà qui non presenteranno alcun criterio di collegamento con il territorio dello Stato dei redditi percepiti all’estero.

[elementor-template id="117236"]

 

Ti è stato utile questo articolo? Condividilo!

Facebook
Twitter
LinkedIn
WhatsApp
Telegram

Le recensioni dei nostri utenti

FlexTax Guide

Ti aiutiamo a gestire la tua Partita Iva

Carrello
Prodotto non più disponibile, il carrello è vuoto.
Continua a fare acquisti
0
Torna su

Inizia a usare FlexTax

Scopri i vantaggi dell'innovativa piattaforma per Partite Iva.

Accesso Freemium

Registrati e accedi gratuitamente a servizi e strumenti di FlexTax

Accesso Plus

Se decidi di affidare la tua contabilità ai consulenti di FlexTax

E-Service

L’ E-commerce di servizi e strumenti per la gestione contabile e l’amministrazione aziendale.

Chi siamo


Esperti contabili, consulenti del lavoro, avvocati e un’azienda di innovazione digitale uniti per aiutare le imprese nella gestione della Partita Iva.