Si può continuare a fatturare all’azienda di cui si è dipendenti?

  • Domande e Risposte

Soggetto già nel regime forfettario dal 2017; a dicembre 2018 viene assunto dall’azienda per svolgere il ruolo di responsabile tecnico, ma nel frattempo continua a svolgere verifiche per la stessa impresa e di conseguenza a fatturare a loro. Dal primo gennaio 2019 fuoriesce dal regime forfettario o, essendolo già da prima, può mantenerlo?

La causa di esclusione per chi  fattura prevalentemente a datori di lavoro attuali o dei due anni precedenti, è di nuova introduzione e l’Agenzia delle Entrate non ha ancora fornito un’interpretazione ufficiale delle stessa.

Pertanto, possiamo unicamente fornirle la nostra interpretazione.

A nostro parere nel 2018 ha fatturato prevalentemente nei confronti del suo datore di lavoro, non può applicare il Regime forfettario nel 2019.

Non è però ancora chiaro al 100% se nel caso in cui nel 2018 si sia fatturato in prevalenza al proprio datore di lavoro (attuale o avuto nei due anni precedenti) si venga esclusi dal Regime forfettario nel 2019 oppure dato che tale causa di esclusione è stata introdotta quest’anno, si verrà esclusi dal 2020 se tale causa di esclusione si verificherà anche nel 2019.

Purtroppo, ad oggi non possiamo dare ancora una risposta definitiva alla sua domanda, sarà necessario attendere la circolare interpretativa dell’Agenzia delle Entrate che chiarisca quale sarà l’anno da prendere da riferimento per tale esclusione.

Possiamo però dirle che tale causa di esclusione non è riservata solo a chi apre una nuova Partita Iva ma anche a chi la aveva già attiva nel 2018.

Condividi:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Accedi gratis al gestionale e ricevi la tua prima chiamata di assistenza

Crea il tuo Account Gratuito

Gestire la contabilità

A partire

259€

Anno / Iva Esclusa

Categorie

Guide utili

Gestire la contabilità può essere stressante.
Ti aiutiamo a rendere tutto più facile.

Articoli simili

Torna su

Parla gratis con un nostro esperto

Parla gratis con un nostro esperto