Impresa familiare nel forfettario, il coadiuvante deve fare la Dichiarazione?

  • Domande e Risposte

Sono coadiuvante familiare, devo fare la Dichiarazione dei Redditi, o deve solo il titolare di partita Iva?

L’Agenzia delle entrate in merito alle imprese familiari che adottano il Regime forfettario, ha chiarito quanto segue:

“Nel caso di imprese familiari, l’imposta sostitutiva, applicata sul reddito al lordo dei compensi dovuti dal titolare al coniuge e ai suoi familiari, è dovuta dall’imprenditore. I contributi previdenziali obbligatori, compresi quelli corrisposti per conto dei collaboratori dell’impresa familiare fiscalmente a carico, ovvero, se non fiscalmente a carico, qualora il titolare non abbia esercitato il diritto di rivalsa sui collaboratori stessi, si deducono dal reddito determinato forfetariamente; l’eventuale eccedenza è deducibile dal reddito complessivo. Il reddito determinato forfetariamente rileva anche ai fini del riconoscimento delle detrazioni per carichi di famiglia, mentre non viene preso in considerazione per determinare l’ulteriore detrazione spettante in base alla tipologia di reddito (articolo 13 del Tuir).”

Pertanto, lei non dovrà effettuare la Dichiarazione dei Redditi (in assenza di altre tipologie di redditi), ma a tale obbligo è soggetto unicamente il titolare dell’impresa familiare che dovrà indicare la sua presenza come coadiuvante.

Condividi:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Accedi gratis al gestionale e ricevi la tua prima chiamata di assistenza

Crea il tuo Account Gratuito

Gestire la contabilità

A partire

259€

Anno / Iva Esclusa

Categorie

Guide utili

Gestire la contabilità può essere stressante.
Ti aiutiamo a rendere tutto più facile.

Articoli simili

Torna su

Parla gratis con un nostro esperto

Parla gratis con un nostro esperto