Estetista in Regime forfettario, come si paga l’INPS?

Domande e risposte flextax

Iscriviti gratis e ricevi subito assistenza fiscale gratuita

All’interno della piattaforma FlexSuite puoi anche simulare le tasse da pagare, scaricare guide fiscali, utilizzare il gestionale di fatturazione e molto altro.

Sono un’estetista professionista diplomata e vorrei aprire una nuova partita Iva ( quella vecchia l’ho chiusa a dicembre 2016) in regime forfettario; a quanto ammonta il pagamento dell’Inps? È una quota fissa mensile- trimestrale o dipende dal fatturato?

L’attività di estetista si configura come attività artigianale e, pertanto, dovrà iscriversi in Camera di Commercio e versare i contributi alla Gestione Artigiani Inps.

Tale Gestione prevede il pagamento di contributi fissi fino al raggiungimento del reddito minimale, ovvero sia che lei abbia ricavi per € 100 che per € 18.415 (reddito minimale), dovrà pagare € 4.427,04 di contributi fissi all’anno. I contributi fissi si versano in 4 rate annuali.

Nel caso in cui il suo reddito (importo derivante dall’applicazione del coefficiente di redditività ai ricavi da lei conseguiti) fosse superiore a quello minimale di € 18.415, oltre ai contributi fissi di € 4.427,04 anche una percentuale del 24% sul reddito eccedente in sede di Dichiarazione dei redditi.

In conclusione, la contribuzione per gli artigiani prevede sia una parte fissa (€ 4.427,04) che una parte proporzionale sul reddito eccedente il reddito minimale di € 18.415.

Potrebbe esserle utile il nostro seguente articolo: Regime forfettario Artigiani

Inoltre, le ricordiamo che per coloro che adottano il Regime forfettario e versano i contributi alla Gestione Artigiani, è prevista la possibilità di chiedere la riduzione dei contributi Inps da versare del 35%, maggiori informazioni può trovarle qui: Riduzione 35% Contributi Inps.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

ARTICOLI SIMILI