Come posso calcolare le tasse che pagherò con il Regime forfettario?

  • Domande e Risposte

Ho alcuni dubbi sul calcolo delle tasse con Regime forfettario (codice ateco 62)

1)            Reddito Imponibile Lordo = Fatturato totale x 78%.
2)            IVS = 954,54 x 4 rate = 3.818,16.
3)            INPS (gestione separata) = 24% su differenza Reddito Imponibile Lordo – 15.000,00.
4)            Reddito imponibile ai fini IRPEF = Reddito Imponibile lordo –  IVS – INPS.
5)            IRPEF = 5% (startup) su Reddito imponibile ai fini IRPEF.
6)            UTILE = Reddito Imponibile Lordo  – IVS   – INPS   – IRPEF.

Inoltre, iniziando l’attività a Giugno, i contributi IVS fissi si calcolano in 12esimi ?

Procederemo a farle un esempio per entrambe le situazioni in cui si potrebbe trovare con il Codice Ateco 62:

1)Professionista iscritto alla Gestione Separata
Si troverà in tale situazione se effettuerà la sua attività come professionista, ovvero consulente e non come “produttore di software”.

Ricavi: 20.000 euro
Coefficiente di redditività: 67%
Reddito lordo: € 13.400
Contributi obbligatori versati nell’anno: € 3.000 (cifra puramente casuale solo per esempio)
Reddito imponibile netto: € 10.400 (13.400 – 3.000)
Imposta sostitutiva 5%: 500 euro (10.000 x 5%)
Contributi da versare alla Gestione Separata: 3.446,48 (13.400 x 25,72%)

In sintesi, avendo ricavi per 20.000 euro, pagherebbe tra imposta e contributi circa € 3.946,48.

Come potrà notare, i contributi che si possono dedurre dal reddito imponibile sono quelli che sono stati pagati durante l’anno (principio di cassa) e non quelli calcolati per l’anno stesso.

Le facciamo inoltre notare che è possibile applicare l’aliquota di imposta sostitutiva al 5% per i primi 5 anni di attività se si rispettano le condizioni previste e illustrate nel nostro seguente articolo: Regime forfettario 5%.

2)Artigiano/Commerciante
Se lei produce i software che poi rivende, dovrà iscriversi in Camera di Commercio e versare i contributi alla Gestione Artigiani e Commercianti.

Ricavi: € 20.000
Coefficiente di redditività: 67%
Reddito imponibile: € 13.400
Contributi obbligatori pagati nell’anno: € 3.000 (cifra casuale)
Imposta sostitutiva 5%: € 500 (10.400 x 5%)
Contributi fissi sul reddito minimale (15.878): circa € 3.800
Contributi sul reddito eccedente il minimale: € 0 (13.400 è inferiore ai 15.878).

In sostanza, con ricavi di 20.000 euro, pagherebbe tra imposta sostitutiva (€ 500) e contributi (€ 3.800), circa € 4.300.

Anche in questo caso, i contributi che si possono dedurre dal reddito imponibile sono quelli che sono stati pagati durante l’anno (principio di cassa) e non quelli calcolati per l’anno stesso.

I contribuenti che applicano il Regime forfettario e versano i contributi alla Gestione Artigiani e Commercianti, possono richiedere la riduzione dei contributi da versare del 35%, maggiori informazioni in merito può trovarle illustrate qui: Riduzione 35% Contributi Inps.

Potrà decidere lei in quale modalità aprire la Partita Iva.

Condividi:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Accedi gratis al gestionale e ricevi la tua prima chiamata di assistenza

Crea il tuo Account Gratuito

Gestire la contabilità

A partire

259€

Anno / Iva Esclusa

Categorie

Guide utili

Gestire la contabilità può essere stressante.
Ti aiutiamo a rendere tutto più facile.

Articoli simili

Torna su

Parla gratis con un nostro esperto

Parla gratis con un nostro esperto