Cablatura elettrica e montaggio di cablaggi nel settore automotive e commercio di prodotti di ferramenta, quale sarebbe la tassazione in Regime forfettario?

Salve, vorrei aprire una partita Iva per effettuare lavori di cablatura elettrica e montaggio di cablaggi nel settore automotive e ho un altro cliente nel settore del commercio da cui vorrei acquistare alcuni prodotti di ferramenta e rivenderli. Avrei un fatturato di circa 25 mila euro annui. Con regime forfettario a quanto ammonterebbero tutte le tassazioni che devo pagare?

Come ci ha indicato nella sua richiesta, lei andrebbe a svolgere due differenti attività. Le esamineremo singolarmente.

1) cablatura elettrica e montaggio di cablaggi nel settore automotive  

Prima di tutto dovrà accertarsi di possedere tutti gli eventuali requisiti richiesti per poter aprire tale attività presso la Camera di Commercio della sua Provincia.

Per tale Attività sono due i Codici Ateco che potrebbero inquadrarla, ovvero:

  • 43.21.01- Installazione di impianti elettrici in edifici o in altre opere di costruzione (inclusa manutenzione e riparazione) 

Che comprende attività di:

– installazione di impianti elettrici in tutti i tipi di edifici e nelle strutture di genio civile: cablaggio e connessioni elettriche, impianti di illuminazione

Calcola gratis le tasse da pagare e richiedi assistenza fiscale​

Inizia Gratis

– impianti di collegamento di elettrodomestici e apparecchi elettrici

– installazione di impianti fotovoltaici

  • 43.21.02 – Installazione di impianti elettronici (inclusa manutenzione e riparazione) 

Che comprende attività di:

– cablaggio per telecomunicazioni, reti di elaboratori e sistemi televisivi via cavo, incluse le fibre ottiche, parabole satellitari, impianti di segnalazione d’incendio, sistemi di allarme antifurto

Entrambi i Codici sopra elencati prevedono un coefficiente di redditività dell’86% e l’iscrizione in Camera di Commercio (se possiede tutti gli eventuali requisiti necessari).

2) Commercio di prodotti di ferramenta

  • 47.52.10 – Commercio al dettaglio di ferramenta, vernici, vetro piano e materiale elettrico e termoidraulico 

Tale Codice Ateco prevede l’iscrizione in Camera di Commercio e un coefficiente di redditività del 40%

Come può notare, le due differenti attività che vuole andare a svolgere hanno due differenti Coefficienti di redditività, quindi ogni fine anno dovrà distinguere i ricavi ottenuti con le due diverse attività ed applicare ad essi i relativi coefficienti (non se ne applica uno per tutti).

Procediamo con un esempio:

Ricavi attività cablaggio: € 15.000

Coefficiente di redditività attività cablaggio: 86%

Reddito imponibile: € 12.900

Imposta sostitutiva 15% : € 1.935

 

Ricavi attività cablaggio: € 10.000

Coefficiente di redditività attività cablaggio: 40%

Reddito imponibile: € 4.000

Imposta sostitutiva 15% : € 600

 

Reddito imponibile INPS complessivo: € 16.900 (12.900 + 4.000)

Contributi INPS sul minimale: circa € 3.800

Contributi INPS eccedenti il reddito minimale (15.878): circa € 246 (16.900 – 15.878 = 1.022 x 24%).

 

Quindi, riassumendo, con ricavi totali di € 25.000 pagherebbe tra imposte (2.535) e contributi (4.046) circa € 6.581.

L’esempio lo abbiamo semplificato con cifre tonde per chiarirle al meglio i passaggi.

Le ricordiamo che, inoltre, ogni anno potrà dedurre i contributi obbligatori versati nell’anno dal reddito imponibile così da “abbassare” l’importo su cui calcolare l’ammontare id imposta sostitutiva.

Potrà applicare l’aliquota del 5% di imposta sostitutiva per i primi 5 anni di attività solo se rispetta le condizioni illustrate nel nostro seguente articolo: Regime forfettario 5%

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Gestire la contabilità può essere stressante.
Ti aiutiamo a rendere tutto più facile.

Fai il primo passo

ARTICOLI SIMILI

Torna su

Parla gratis con un nostro esperto

Parla gratis con un nostro esperto