Architetto con partecipazione del 10% in nuda proprietà nello studio con cui collabora in prevalenza, può accedere al Regime forfettario?

  • Domande e Risposte

Un architetto con partita Iva, con un fatturato dello scorso anno inferiore a 65.000 euro, opta per l’ingresso nel nuovo regime forfettario. L’architetto in questione detiene anche una partecipazione in nuda proprietà pari al 10% nello studio con cui collabora in prevalenza. Tale ultima circostanza potrebbe inibire l’accesso al regime nonostante non venga attribuito alcun reddito per trasparenza e alcun diritto sociale (diritto di voto ecc)? 

L’Agenzia delle Entrate con la circolare 10 E del 2016 aveva chiarito che la causa di esclusione da lei menzionata si realizza quando conseguentemente alla partecipazione in una società si percepiscano redditi da essa e contemporaneamente di realizzano redditi con Partita Iva forfettaria.

Procedendo a cedere l’usufrutto ad un altro soggetto, il diritto a percepire i redditi derivanti dalla società spetterebbe ad esso e, quindi, per il caso presentato la causa di esclusione non opererebbe.

Ovviamente quanto fin qui scritto è una nostra interpretazione, in quanto manca ancora quella ufficiale dell’Agenzia delle Entrate per questa fattispecie.

 

 

Condividi:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Accedi gratis al gestionale e ricevi la tua prima chiamata di assistenza

Crea il tuo Account Gratuito

Gestire la contabilità

A partire

259€

Anno / Iva Esclusa

Categorie

Guide utili

Gestire la contabilità può essere stressante.
Ti aiutiamo a rendere tutto più facile.

Articoli simili

Torna su

Parla gratis con un nostro esperto

Parla gratis con un nostro esperto